L’Europa e quell’eterno confronto Italia-Germania | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Europa e quell’eterno confronto Italia-Germania

Gli italiani sostengono che i tedeschi si avvantaggino più degli altri dalle politiche economiche europee; i tedeschi vedono il nostro paese meglio di quanto facciamo noi. Uno studio della Fondazione Friedrich-Ebert-Stiftung spiega la percezione di italiani e tedeschi sui due paesi, ognuno dal proprio punto di vista
di Fabio Germani

La prima cosa che risalta agli occhi è il giudizio sull’adesione all’Unione europea: il 43% dei tedeschi lo ritiene un vantaggio, la stessa quota di italiani lo considera invece uno svantaggio. Analogamente, rispetto alla moneta unica, tra i tedeschi prevale l’idea che dall’euro derivino vantaggi (il 41%, ma il 30% sostiene che vantaggi e svantaggi si equivalgono) mentre tra gli italiani il 53% è convinto che siano di più gli svantaggi (la vede in maniera diametralmente opposta appena il 19%). Quando è cominciata questa dicotomia Italia-Germania, che non fosse esclusivamente calcistica? Sicuramente la crisi economica e le politiche rigoriste di Bruxelles hanno inciso parecchio su percezioni e capacità di giudizio. Mentre la Germania cresceva, l’Italia era in recessione. Così italiani e tedeschi hanno cominciato ad avere opinioni alquanto discordanti, sulla propria situazione e su quella dei vicini. Ma fino a che punto coerenti con la realtà dei fatti? A queste domande prova a rispondere uno studio commissionato dalla Fondazione Friedrich-Ebert-Stiftung, di cui si è discusso all’ambasciata tedesca, a Roma, il 30 novembre 2016.


Italia-Germania in 35 foto, ilpost.it., Pubblico dominio, Collegamento

La percezione della politica italiana e tedesca rispettivamente dal punto di vista dell’altro paese non nasconde sorprese. Ad esempio in Germania ci vedono meglio di quanto facciamo noi: in una scala da 1 (“distaccata rispetto al resto d’Europa”) a 10 (“leader in Europa”) i tedeschi danno un giudizio più positivo degli italiani su potenziale economico (5,5 a 4), previdenza sociale (5,4 a 4,4), qualità della vita (6,8 a 4,6), sistema scolastico e formativo (5,8 a 4,6) e, seppure in misura minore, assistenza sanitaria (5,6 a 5,1). Le stesse voci ottengono risultati molto simili da entrambi i lati, con punteggi attorno al 7, relativamente alla posizione della Germania all’interno dell’Ue.

IL RUOLO DELLA GERMANIA E DELL’ITALIA NELL’UNIONE EUROPEA
Sulle sfide per l’Unione, italiani e tedeschi indicano priorità diverse, coerenti, però, con quelli che sono i temi più dibatutti nei due paesi. Per i primi, ad esempio, combattere la disoccupazione (48%), rilanciare l’economia (38%) e la politica in materia di rifugiati (26%) sono tra i principali compiti dell’Ue; per i secondi lo sono la politica in materia di rifugiati (43%), proteggere dal terrorismo (36%) e assicurare la pace (26%). Per quanto riguarda i problemi che destano preoccupazione, lo scacchiere internazionale – dal confronto con la Russia e la crisi in Ucraina – è preso in considerazione maggiormente dai tedeschi, gli italiani pensano più al futuro dell’integrazione europea, alla crescita debole nell’Eurozona o alle conseguenze economiche della globalizzazione. In generale, comunque, quello che emerge è un giudizio nei confronti della Germania di un paese capace di trarre maggiori benefici dalle diverse situazioni, siano i rapporti economici tra i due partner europei o dalla moneta unica. Se la maggior parte dei tedeschi reputa che il loro paese debba assumere la leadership nell’Ue, solo il 30% degli italiani la vede allo stesso modo. Ma soprattutto sono molti gli italiani – rispettivamente il 75% e l’81% degli intervistati – a sostenere che nell’ambito della crisi dell’euro la Germania dovrebbe tenere conto degli altri paesi e non abusare del proprio ruolo all’interno della Unione. E se il 78% degli intervistati italiani pensa che il proprio paese debba ricoprire un ruolo più importante nell’Unione europea, a dirsi d’accordo è il 42% dei tedeschi.

@fabiogermani

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 45,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 45.179.529. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Attentato Nizza, gruppo tunisino rivendica attacco

La procura antiterrorismo di Tunisi ha aperto un’inchiesta dopo che un sedicente gruppo terroristico “Al Mahdi nel sud della Tunisia” ha rivendicato, tramite un post…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, impennata di contagi in Svizzera: 9mila nelle ultime 24 ore

La Svizzera nelle ultime 24 ore ha registrato oltre 9mila nuovi casi e 52 decessi. A riferirlo sono state le autorità sanitarie alle prese con…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la Francia torna in lockdown

La Francia è tornata in lockdown, ma a differenza di quello primaverile, questa volta rimarranno aperte le scuole, gli uffici, le fabbriche e tutto il…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia