Le imprese artigiane nate dal 2014 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese artigiane nate dal 2014

Le costruzioni e il manifatturiero sono i due comparti nei quali si conta il più alto numero di nuove imprese artigiane
di Redazione

Un’analisi del Centro studi della CNA sottolinea il contributo offerto dalle imprese artigiane italiane negli ultimi anni al rinnovamento del tessuto imprenditoriale del nostro Paese.

extension-996004_1280

Secondo i dati contenuti nell’analisi, dal 2014 a oggi in Italia sono nate 242.990 imprese artigiane, pari il 23,7% del totale delle imprese costituite nello stesso periodo.
Particolarmente rilevante è stato l’apporto garantito dai più giovani. Ma il dinamismo degli under 35 non era passato inosservato neanche ad altre analisi: Movimprese, la rilevazione condotta periodicamente da UnionCamere-InfoCamere, osserva che nei primi 9 mesi del 2016, sono nate complessivamente circa 90mila imprese under 35 (pari al 31% del totale di quelle nuove nate in Italia), il 14% delle quali è attiva nelle costruzioni e il 10% nei servizi di alloggio e ristorazione.
Tornando ai dati della CNA, dall’analisi emerge che le nuove imprese artigiane si sono concentrate principalmente in una manciata di settori. L’elenco include l’edilizia (94.378 nuove unità), il manifatturiero (49.940), i servizi per la persona (24.231), la ristorazione (14.692), i servizi di pulizia (13.337) e le autoriparazioni (9.190).
In particolare, sottolinea l’analisi, all’interno del manifatturiero sono nate soprattutto imprese nell’abbigliamento (8.846), i prodotti in metallo (7.754), gli alimentari (7.374), le riparazioni di apparecchi e attrezzature (6.081).
La CNA sottolinea che, per comprendere come è cambiato il tessuto imprenditoriale italiano nel corso di questi ultimi anni, è necessario analizzare i tassi di crescita settoriali, dati dal rapporto tra saldo delle imprese nate e cessate e stock di imprese attive. Confrontando le statistiche sulla natalità delle imprese artigiane nei primi nove mesi del 2014, 2015 e 2016 – ovviamente non sono disponibili i dati dell’ultimo trimestre di quest’anno –, i settori caratterizzati dal maggiore tasso di crescita relativo sono i servizi alle imprese (+6,2%), servizi di pulizia (+3%), riparazioni di apparecchi e attrezzature (+2,8%), l’ICT (+1,6%), logistica (+1,3%). In terreno positivo anche alimentari, attività professionali, servizi di ristorazione e servizi alla persona.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quarantena e tampone obbligatori per chi viene in Italia dal Regno Unito

Quarantena obbligatoria di 5 giorni con obbligo di tampone per chi arriva in Italia dal Regno Unito. Lo prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, dal 26 giugno via obbligo mascherine all’aperto

Anche la Spagna, come la Francia alcuni giorni fa, ha annunciato che a breve toglierà l’obbligo di mascherina all’aperto. A riferirlo il premier Pedro Sanchez,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Deciderò se ricandidarmi dopo elezioni midterm»

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato a parlare non escludendo una sua ricandidatura nel 2024, ipotesi di cui si discute da tempo.…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia