Produzione industriale in crescita su ottobre 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produzione industriale in crescita su ottobre 2015

Stando alle rilevazioni dell’Istat l’indice si mostra in crescita rispetto allo scorso anno, ma rimane stabile rispetto a settembre
di Matteo Buttaroni

La produzione industriale ad ottobre ha riportato una variazione nulla – dopo il calo congiunturale registrato a settembre (-0,8%) -, mantenendo l’indice calcolato dall’Istat a 93,8 punti. Positivo invece il confronto tra il periodo agosto-ottobre e il trimestre precedente: stando alle rilevazioni dell’Istituto di statistica, infatti, nel periodo considerato la produzione è aumentata dell’1,6%.

produzione_industriale

Bene anche il confronto tendenziale e quello tra i primi dieci mesi del 2016 e il medesimo periodo dello scorso anno. Rispetto a ottobre 2015 l’indice mostra, infatti, una crescita dell’1,3% (dato corretto per gli effetti di calendario, i giorni lavorativi sono stati 21 contro i 22 di un anno fa), mentre la media dei primi dieci mesi del 2016 ha riportato un progresso di 1,1 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Nelle tabelle che accompagnano il resoconto sull’andamento della produzione industriale si nota come la variazione nulla registrata ad ottobre su settembre sia il risultato degli aumenti che hanno interessato la produzione di beni strumentali (+0,5%), quella di beni intermedi (+0,1%) e di energia (+2,1%), bilanciati dalla contrazione della produzione di beni di consumo (-0,9%, con un -1,5% per i beni di consumo durevoli e un -0,9% per quelli non durevoli).
La crescita tendenziale, si osserva ancora nelle tabelle, è stata influenza positivamente dall’andamento di tutti raggruppamenti di industrie considerati dall’indagine. A parte la variazione nulla dei beni di consumo (-6,1% per quelli durevoli e +1,1% per quelli non durevoli), i beni strumentali hanno registrato un +2%, quelli intermedi un +0,1% e l’energia un +6,4%.
Entrando ancor più nel dettaglio, ovvero guardando ai principali settori di attività economica, si può osservare come le crescite congiunturali più marcate abbiano interessato la Produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+4,4%), la Fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+3,6%), la Fabbricazione di mezzi di trasporto (+1,4%) e la Metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+1,4%).
Rispetto allo stesso mese dello scorso è la Fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed
aria a riportare l’incremento maggiore (+9,5%), seguita dalla Produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+6,3%) e dall’attività estrattiva (+3,4%).

 

Scrivi una replica

News

Medio Oriente, Hamas propone governo indipendente a Gaza

«È una questione complessa, ci sono ancora divergenze da colmare ma stiamo facendo progressi». Così Biden alla conclusione del vertice Nato sulla guerra in Medio…

12 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa 2024, le gaffe di Biden preoccupano i dem

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ribadisce ancora una volta che intende proseguire la sua corsa presidenziale. La conferenza stampa di fine vertice Nato,…

12 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Da Nato pericolosa escalation della tensione»

Aumentano le tensioni tra la Nato e la Russia, soprattutto dopo che Stati Uniti e Germania hanno annunciato il dispiegamento, proprio in Germania, di missili…

12 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salute, una cattiva alimentazione costa ad ogni italiano circa 300 euro l’anno

Una cattiva alimentazione costa ad ogni italiano circa 300 all’anno (oltre ai rischi per la salute) e incide sul Prodotto interno lordo europeo, causandone una…

12 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia