Migliorano le condizioni delle famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migliorano le condizioni delle famiglie

Aumenta la spesa per consumi e si alleggeriscono le forme di indebitamento. Ma il valore della disuguaglianza reddituale resta elevato
di Redazione

Solo di recente si è assistito ad un aumento della propensione al risparmio, che però nel biennio 2014-2015 era rimasta inferiore al periodo pre-crisi. Contestualmente crescevano, seppure in maniera lieve, reddito disponibile e potere d’acquisto (a cui ha contribuito la frenata della dinamica inflazionistica), contribuendo – come osserva l’Istat nel rapporto Bes 2016 (benessere equo e sostenibile) – al recupero della spesa per consumi.

spesa_consumi_famiglie

A tale proposito ci sono da fare alcune considerazioni, perché nel confronto internazionale l’Italia ha attraversato una fase di crisi più profonda rispetto ad altri partner europei. Il periodo 2012-2013, per molti paesi membri dell’Ue, ha rappresentato una nuova battuta d’arresto, in particolare così è stato proprio da noi. I segnali di miglioramento si sono cominciati a osservare nel 2014.
Una caratteristica importante è l’alleggerimento delle forme di indebitamento delle famiglie, che invece in precedenza avevano inciso sul comportamento di consumo. La conseguenza, intanto, è stata una minore vulnerabilità finanziaria. Il recupero di fiducia si è così tradotto in un calo dell’indicatore soggettivo di grande difficoltà economica. Ma attenzione: in generale i segnali di miglioramento non sono altrettanto evidenti per le fasce più deboli della popolazione.
Infatti, cosa è accaduto contemporaneamente? Che il valore della disuguaglianza reddituale nel 2015 è stato il medesimo del 2013, il più alto dell’ultimo decennio. Dunque i miglioramenti effettivamente rilevati non si sono tradotti in una flessione dei livelli di povertà. È proprio l’elevata disuguaglianza nella distribuzione del reddito a determinare il maggiore rischio di povertà. E l’Italia, con il 19,9% della popolazione a rischio, si colloca al di sopra della media europea per 2,6 punti percentuali. Valori simili si registrano in Portogallo e Grecia.
L’Istat stima che circa l’11,5% della popolazione residente in Italia è gravemente deprivata, con una quota sensibilmente inferiore solo a quella registrata in Lettonia (16,4%), Ungheria (19,4%), Grecia (22,2%), Romania (22,7%) e Bulgaria (34,2%). I capitoli di spesa in cui sono emerse particolari difficoltà comprendono la possibilità di riscaldare adeguatamente l’abitazione, potersi permettere una settimana di ferie lontano da casa e fare un pasto proteico almeno ogni due giorni, valori tutti decisamente superiori alla media europea.

 

Scrivi una replica

News

Colpo di Stato in Sudan, arrestato il primo ministro

Colpo di Stato in Sudan, dove i militari hanno arrestato il primo ministro Abdalla Hamdok, oltre ad alcuni membri civili del consiglio sovrano di transizione…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, casi in aumento anche in Germania

L’aumento dei contagi in Germania – il Robert Koch Institut ha segnalato una crescita dell’incidenza settimanale su 100 mila abitanti passata a 110,1 – sta…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, record negativo lira dopo espulsione ambasciatori

La lira turca ha toccato un nuovo record negativo dopo l’espulsione ordinata dal presidente Recep Tayyip Erdogan di dieci ambasciatori occidentali nel paese, tra i…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

«A livello globale, 4,5 miliardi di persone sono iscritte ai social network»

Ad ottobre 2021, il numero degli utenti a livello mondiale dei social media ha raggiunto quota 4,5 miliardi. Lo rende noto rapporto Digital 2021 October…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia