Ucciso a Milano Anis Amri, il presunto autore dell’attentato di Berlino | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ucciso a Milano Anis Amri, il presunto autore dell’attentato di Berlino

Gli agenti della Polizia di Stato hanno ucciso Anis Amri, l’uomo considerato il responsabile dell’attentato di Berlino, a Milano. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno, Marco Minniti, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al Viminale. Il presunto attentatore è stato ucciso, nelle prime ore di venerdì 23 dicembre in piazza 1° maggio, nei pressi della stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni. La sparatoria è avvenuta dopo che gli agenti avevano chiesto al giovane di esibire i documenti, ma il giovane si è rifiutato e ha estratto dal suo zaino una pistola ferendo un poliziotto alla spalla. A quel punto l’altro poliziotto ha risposto al fuoco uccidendo Anis Amri.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quarantena e tampone obbligatori per chi viene in Italia dal Regno Unito

Quarantena obbligatoria di 5 giorni con obbligo di tampone per chi arriva in Italia dal Regno Unito. Lo prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, dal 26 giugno via obbligo mascherine all’aperto

Anche la Spagna, come la Francia alcuni giorni fa, ha annunciato che a breve toglierà l’obbligo di mascherina all’aperto. A riferirlo il premier Pedro Sanchez,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Deciderò se ricandidarmi dopo elezioni midterm»

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato a parlare non escludendo una sua ricandidatura nel 2024, ipotesi di cui si discute da tempo.…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia