Mercato auto: immatricolazioni oltre i livelli del 2011 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mercato auto: immatricolazioni oltre i livelli del 2011

La crescita registrata nel 2016, pari al +15,8%, contribuisce positivamente alla crescita del settore, ma il livelli del 2007 sono ancora lontani
di Redazione

Il mercato italiano delle auto continua a mettere a segno notevoli passi in avanti, avvicinandosi sempre più ai livelli pre crisi. Certo, rispetto al 2007 siamo ancora piuttosto indietro, ma il risultato messo a segno nel 2016 fa comunque ben sperare.

miniature-1802333_1280

Per il 2007 – ultimo anno di crescita prima del crollo che, anno dopo anno, ha portato le immatricolazioni italiane di veicoli nuovi a 1.304.648 nel 2013 – le serie storiche indicano, infatti, 2.490.570 nuove registrazioni: 665.602 in più rispetto al dato odierno.
A dicembre, secondo le stime diffuse dal Ministero dei Trasporti, su rilevazioni della Motorizzazione, i veicoli nuovi immatricolati sono stati 124.438, il 13,06% in più rispetto alle 110.060 dello stesso mese dello scorso anno.
La crescita di dicembre ha contribuito a portare le immatricolazioni dell’intero anno a 1.824.968 unità, un numero in crescita del 15.82% rispetto al 2015 che consente di superare le immatricolazioni del 2011 (1.748.143) e avvicinarsi notevolmente a quelle del 2010 (1.960.282).
Dal resoconto della Motorizzazione si nota però come, anche a dicembre, il volume delle vendite di auto usate sia stato maggiore rispetto a quello delle vendite di veicoli nuovi. Delle 521.650 autovetture vendute l’ultimo mese dell’anno, il 76,15% ha interessato veicoli usati, contro la quota del 23,85% relativa ai veicoli nuovi.
Non a caso, delle oltre 35 milioni di autovetture circolanti in Italia solo una quota esigua – il 3% – rientra nella classe di emissioni più recente, la EURO 6. La maggior parte delle auto è infatti classificata come EURO 4, il 33,6%, seguite dal 20,2% delle EURO 5. Quote rilevanti interessano anche le classi più inquinanti: EURO 3, il 18,4%, EURO 2, il 13,7%; EURO 1, il 6,5%; ed EURO 0, il 4,6%.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Guterres: «Raccomandazioni dell’Oms sono state ignorate»

«Fin dall’inizio della pandemia di coronavirus l’Oms ha fornito informazioni concrete e orientamenti scientifici che avrebbero dovuto essere la base per una risposta globale coordinata.…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, pubblicata la nuova mappa della Via Lattea

Fino ad oggi, non era stato mai pubblicato un censimento così completo della Via Lattea, la galassia a cui appartiene il nostro sistema solare. Complessivamente,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, nel 2019 il riciclo dei rifiuti ha garantito benefici per oltre un miliardo di euro

Oltre un miliardo di euro. A tanto ammontano i benefici diretti del riciclo in Italia, nel 2019. Lo ha riferito il Green Economy Report del…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti-Iran, Zarif: «Accordo non sarà rinegoziato»

«Gli Usa devono smettere di violare le leggi internazionali». Questa la posizione di Teheran, stando alle dichiarazioni del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia