Migliora il settore manifatturiero, così l’attività economica in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migliora il settore manifatturiero, così l’attività economica in Italia

Rallenta l'indice Pmi composito a causa della frenata del settore terziario, mentre l'Eurozona prosegue la sua risalita
di Redazione

L’attività economica dell’Eurozona prosegue la sua risalita, con Germania e Francia che registrano livelli oltre le attese per quanto riguarda soprattutto il settore dei servizi mentre l’Italia – che tuttavia rallenta nell’indice composito per via del terziario – a dicembre ha registrato un’espansione del manifatturiero, a 53,2 punti (consolidandosi sopra la soglia dei 50 punti, che separa crescita e contrazione).

metal-spinning-645620_1280

Non a caso l’indicatore anticipatore dell’attività economica, così come riportava l’ultima nota sull’andamento dell’economia italiana dell’Istat, registra una ripresa, “delineando una prospettiva positiva del ritmo di crescita dell’economia nei prossimi mesi” anche grazie al trend del settore manifatturiero.
In questo segmento, infatti, si è registrato sia un aumento degli ordinativi a ottobre (+0,9% rispetto al mese precedente) sia un miglioramento della fiducia a dicembre. E a ciò si aggiunga che allo stesso modo per i consumatori si è evidenziato un miglioramento della fiducia nell’ultimo mese del 2016.
In generale c’è da dire che l’economia italiana, pur in un contesto ancora difficile, ha mostrato dei segnali importanti di risalita. Il numero delle imprese – secondo le stime Cerved – è ricominciato a risalire dopo cinque anni di cali.
Ancora il 2014 – anno che mostrò le prime luci – chiudeva in negativo il saldo delle imprese, un andamento al ribasso cominciato nel 2008, con l’inizio della crisi. In compenso tornava a crescere la capacità di sopravvivenza delle nuove imprese: di quelle nate un anno prima, alla fine del 2014, erano in attività il 76,8%, con picchi proprio nell’industria.
Nel 2015, invece, l’indice generale della produzione industriale è aumento dell’1,8% (in termini di dati grezzi), dopo un lungo periodo in flessione, in pratica un triennio di variazioni negative. A ottobre 2016 la produzione ha segnato una variazione nulla rispetto al mese precedente, ma nella media del trimestre agosto-ottobre è aumentata dell’1,6%.
L’andamento del fatturato dell’industria, poi, conferma il trend positivo del settore manifatturiero. Nello stesso mese ha segnato +0,8%, mentre nel trimestre agosto-ottobre +2,3% (+2,1% per il fatturato interno e +2,6% per quello estero) rispetto ai tre mesi precedenti.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Conte: «Ci sono le condizioni per proseguire lo stato d’emergenza dopo il 31 luglio»

«Ragionevolmente, ci sono le condizioni per proseguire lo stato di emergenza per il coronavirus dopo il 31 luglio». Lo ha detto il presidente del Consiglio,…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la presidente ad interim della Bolivia è risultata positiva

La situazione continua ad essere preoccupante in America Latina e la presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, ha annunciato di essere risultata positiva ad…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Sud, trovato morto il sindaco di Seul

Un biglietto di scuse e di ringraziamento «a tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita» è stato trovato nella residenza del sindaco di…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Nel 2020 il Pil italiano dovrebbe contrarsi del 9,5%»

Nel 2020, il Prodotto interno lordo italiano dovrebbe contrarsi del 9,5%, «in uno scenario di base, in cui si presuppone che la diffusione della pandemia…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia