Prezzi al consumo, Istat: “Inflazione in crescita dello 0,5% su base annua” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prezzi al consumo, Istat: “Inflazione in crescita dello 0,5% su base annua”

“Nel mese di dicembre 2016, secondo le stime preliminari, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,4% rispetto al mese precedente e dello 0,5% nei confronti di dicembre 2015”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“In media d’anno – prosegue la nota – nel 2016 i prezzi al consumo registrano una variazione negativa (-0,1%): è dal 1959 (quando la flessione fu pari a -0,4%) che non accadeva. L’inflazione di fondo, calcolata al netto degli alimentari freschi e dei prodotti energetici, rimane invece in territorio positivo (+0,5%), pur rallentando la crescita da +0,7% del 2015.
La ripresa dell’inflazione a dicembre 2016 è dovuta principalmente alle accelerazioni della crescita dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+2,6%, da +0,9% di novembre), degli Energetici non regolamentati (+2,4%, da +0,3% di novembre) e degli Alimentari non lavorati (+1,8%, era +0,2% il mese precedente).
A dicembre l'”inflazione di fondo” sale a +0,6% (da +0,4% del mese precedente); al netto dei soli beni energetici si attesta a +0,7% (da +0,4% di novembre). Dopo trentaquattro mesi di variazioni tendenziali negative, i prezzi dei beni tornano a registrare una variazione positiva (+0,1% da -0,4% di novembre), mentre il tasso di crescita dei prezzi dei servizi accelera, portandosi a +0,9% (era +0,5% a novembre).
L’aumento su base mensile dell’indice generale è principalmente dovuto agli aumenti dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+1,9%), degli Energetici non regolamentati (+1,1%), degli Alimentari non lavorati (+1,0%) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+0,5%).
I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona crescono dello 0,4% in termini congiunturali e dello 0,6% in termini tendenziali (da -0,1% di novembre). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto aumentano dello 0,3% su base mensile e dell’1,0% su base annua (era +0,5% a novembre).
Nel mese di dicembre 2016, sulla base delle stime preliminari, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dello 0,4% su base congiunturale e dello 0,5% su base tendenziale (da +0,1% di novembre). La variazione media annua relativa al 2016 – conclude l’ISTAT – è negativa e pari a -0,1%, (da +0,1% del 2015)”.

 

Scrivi una replica

News

Cura Italia, il Senato approva la fiducia

Il Senato ha confermato la fiducia al governo sul dl Cura Italia. I voti a favore sono stati 142, 99 quelli contrari. Quattro senatori si sono astenuti.…

9 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Merkel in una riunione Cdu respinge l’opzione eurobond

 «La cancelliera Angela Merkel ha ribadito la sua contrarietà all’opzione eurobond per affrontare l’emergenza coronavirus nel corso di una riunione in videoconferenza del suo gruppo…

9 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iraq, continua la crisi di governo: si ritira anche Zurfi

Lo scorso 7 marzo il presidente iracheno, Barham Saleh, aveva nominato come primo ministro Adnan Zurfi, ma quest’ultimo si ha rifiutato l’incarico. Saleh a subito…

9 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, sospesi tutti i campionati italiani di pallavolo: non ci saranno vincitori, promozioni e retrocessioni

Dopo il rugby, anche la pallavolo italiana annulla la stagione senza vincitori, promozioni e retrocessioni. Il consiglio federale della Fipav, presieduto da Bruno Cattaneo, ha…

9 Apr 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia