I risultati del Fondo sociale europeo | T-Mag | il magazine di Tecnè

I risultati del Fondo sociale europeo

Secondo la Commissione europea, in Italia l'impatto del Fondo è stato inferiore alle attese soprattutto nelle regioni meridionali
di Redazione

Favorire la crescita economica è una delle priorità dell’Unione europea. Per riuscirci si è dotata di diversi Fondi, uno dei quali è l’FSE – acronimo che sta per Fondo sociale europeo –, istituito dal Trattato di Roma nel 1957 e indicato da Bruxelles come il principale strumento utilizzato dall’UE per sostenere la creazione di nuovi posti di lavoro e l’inclusione sociale all’interno dei Paesi membri.

eu

Nei giorni scorsi la Commissione europea ha quantificato i risultati ottenuti dal Fondo negli ultimi anni, per poi diffonderli attraverso la pubblicazione di una relazione. Secondo il documento, alla fine del 2014 – il dossier considera i risultati relativi al periodo di programmazione che va dal 2007 al 2013 –, almeno 9,4 milioni di residenti europei erano riusciti a trovare un impiego grazie al sostegno del Fondo. Ma anche chi non a trovato un impiego ha comunque beneficiato del FSE: 13,7 milioni di persone sostengono che attraverso il Fondo sono riuscite ad innalzare il proprio livello di competenze, accrescendo così il proprio capitale umano.
A usufruire del FSE sono stati tanto gli inattivi – era tale il 36% dei partecipanti –, quanto gli occupati (33%) e i disoccupati (30%). Una parte consistente dei partecipanti era scarsamente qualificata (lo era il 40%), giovane (30%) o considerato svantaggiato (ex detenuti, membri di minoranze etniche…). Quest’ultimi erano “almeno il 21%”, secondo la Commissione europea.
Citando le simulazioni macroeconomiche, la Commissione europea osserva che il FSE ha avuto anche un impatto positivo sul Prodotto interno lordo dell’Unione europea a 28 – il Fondo ha contribuito ad una crescita aggiuntiva stimata nello 0,25% in più – e sulla sua produttività.
Secondo la valutazione, dunque, tra il 2007 e il 2014 il Fondo sociale europeo ha fornito un sostegno fondamentale alla crescita economica dell’Unione europea.
Ma se si analizzano i risultati relativi all’Italia, le cose prendono una piega leggermente diversa. Purtroppo. La Commissione europea sottolinea che nel nostro Paese il Fondo ha ottenuto risultati “inferiori alle attese, soprattutto nelle aree di convergenza (ovvero le regioni del Sud)”. In Italia il FSE ha aiutato 367.458 persone a trovare un lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Ocse: «Bisogna agire ora o ci saranno conseguenze tragiche»

«I costi elevati per una risposta da parte delle autorità sanitarie pubbliche sono necessari per evitare conseguenze molto più tragiche e un impatto ancora peggiore…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Di Maio: «Ci aspettiamo lealtà da Ue»

«Davanti all’emergenza economica ci aspettiamo lealtà da parte dei partner europei. La parola lealtà per noi ha un peso importante. Ci aspettiamo che l’Europa faccia…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalfo: «Più risorse per Cig e partite Iva»

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfom ha reso noto ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital, che il governo sta studiando un aumento del…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Spagna 5mila morti

Cotinua ad aggravarsi la situazione in Spagna, dove il numero delle vittime da coronavirus è salito a quota 5mila. A renderlo noto è stato El…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia