Occupazione in crescita, meno al Sud | T-Mag | il magazine di Tecnè

Occupazione in crescita, meno al Sud

L'analisi di Unimpresa evidenzia che l'incremento occupazionale non ha riguardato tutti i settori
di Redazione

L’incremento occupazionale registrato negli ultimi anni – dal 2011 al 2016 i posti di lavoro sono aumentati – non ha riguardato tutte le aree del Paese.
Un’analisi del Centro studi di Unimpresa sul mercato del lavoro italiano sottolinea che i nuovi posti di lavoro creati negli ultimi cinque anni (338mila) sono concentrati nel Centro-Nord. Tra il 2011 e il 2016 il totale degli occupati è cresciuto, passando da 22,598 milioni a 22,936 milioni.

manifatturiero

L’incremento non ha coinvolto il Mezzogiorno, però. Nelle regioni del Centro-Nord si è registrato un aumento del 2,33% (+382mila posti di lavoro) contrariamente a quanto avvenuto nel meridione, dove si è verificato un calo degli occupati (-0,71%) pari a 44mila unità in meno. Ad oggi le persone con un impiego nelle regioni centro-settentrionali sono 16,801 milioni. Nel 2011 erano (naturalmente) di meno: 16,419 milioni. Al Sud e nelle Isole le cose prendono una piega diversa: il totale degli occupati è sceso da 6,179 a 6,135 milioni.
Oltre a sottolineare le differenze territoriali, Unimpresa evidenzia che l’incremento occupazionale non ha riguardato tutti i settori. La maggior parte dei nuovi posti di lavoro è concentrata nel comparto dei servizi (+693mila) e nell’agricoltura (+36mila). Incrementi che hanno comportato un incremento degli occupati complessivi tanto nei servizi (da 15,374 a 16,067 milioni) quanto nell’agricoltura (da 832mila a 868mila unità). Altrove la situazione è meno positiva: nell’industria e nelle costruzioni, un settore – quest’ultimo – che ha risentito notevolmente delle difficoltà della crisi economica, il saldo è negativo. Nel 2016 gli occupati in entrambi i comparti erano (rispettivamente) 56mila e 336mila unità in meno rispetto a cinque anni prima. Ad oggi le persone impiegate nell’industria sono 4,546 milioni mentre nelle costruzioni si scende a 1,455 milioni di lavoratori.
Infine, osserva il Centro studi Unimpresa, nel periodo considerato dall’analisi, la forza lavoro, che include gli occupati e i disoccupati, è cresciuta di 440mila unità, mentre il tasso di disoccupazione – ovvero il rapporto tra chi è alla ricerca di un impiego e la forza lavoro – è diminuito, passando dal 12,1 del 2011 all’11,5% del 2016 (-0,6%).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Conte: «Ci sono le condizioni per proseguire lo stato d’emergenza dopo il 31 luglio»

«Ragionevolmente, ci sono le condizioni per proseguire lo stato di emergenza per il coronavirus dopo il 31 luglio». Lo ha detto il presidente del Consiglio,…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la presidente ad interim della Bolivia è risultata positiva

La situazione continua ad essere preoccupante in America Latina e la presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, ha annunciato di essere risultata positiva ad…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Sud, trovato morto il sindaco di Seul

Un biglietto di scuse e di ringraziamento «a tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita» è stato trovato nella residenza del sindaco di…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Nel 2020 il Pil italiano dovrebbe contrarsi del 9,5%»

Nel 2020, il Prodotto interno lordo italiano dovrebbe contrarsi del 9,5%, «in uno scenario di base, in cui si presuppone che la diffusione della pandemia…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia