Ancora in difficoltà commercio e costruzioni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ancora in difficoltà commercio e costruzioni

Nonostante qualche miglioramento, in nessuno dei comparti esaminati è stato registrato un numero più alto di procedure fallimentari
di Redazione

Le ultime rilevazioni di Unioncamere-InfoCamere certificano che tra le imprese italiane il numero dei fallimenti continua a diminuire: da gennaio a novembre del 2016, le procedure fallimentari sono state 11.655, in calo rispetto alle 12.583 registrate nello stesso periodo dell’anno precedente (-7%). Un dato positivo. Tuttavia, nonostante diversi miglioramenti, alcuni settori continuano a soffrire più di altri. Vediamo quali.

construction-worker-495373_1280

Dalla lettura delle statistiche – i dati sono relativi ai primi undici mesi del 2016 – emerge che il commercio e le costruzioni sono i due settori maggiormente in difficoltà, con 2.705 e 2.380 procedure fallimentari, pari (rispettivamente) al 23,2 e al 20,4% dei fallimenti totali.
Per quanto negativi – in nessuno dei comparti esaminati (agricoltura, manifatturiero, attività immobiliari…) è stato registrato un numero più alto di fallimenti –, i dati sulle procedure fallimentari nel commercio e nelle costruzioni sono migliori rispetto a quelli del 2015.
Secondo il report è nel commercio che si osservano i progressi più evidenti, con un calo a due cifre delle procedure fallimentari che raggiunge l’11,7%.
Nelle costruzioni, invece, il miglioramento è meno marcato (-6%), ma comunque positivo per un settore che ha sofferto molto negli anni della crisi economica: secondo le stime dell’ANCE, l’Associazione nazionale costruttori edili, i posti di lavoro persi dal 2008 ad oggi nel comparto sono stati 600mila.
Nel 2017 le cose dovrebbero migliorare: nel suo Osservatorio congiunturale sull’industria delle costruzioni, l’ANCE scrive che quest’anno gli investimenti dovrebbero crescere dello 0,8%, un dato che corregge al rialzo le previsioni elaborate a luglio, che per il 2017 stimavano un calo dell’1,2%.
Per le imprese del commercio il 2016 non è stato un anno positivo: il numero dei fallimenti ne è una prova, al pari dell’andamento delle vendite al dettaglio. Secondo gli ultimi dati ISTAT, ad ottobre le vendite dei prodotti alimentari e non sono diminuite complessivamente dello 0,2% sia in valore che in volume rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il calo del valore delle vendite ha riguardato solo le imprese operanti su piccole superfici (-1% su base annua) e non la grande distribuzione (+0,8%).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Guterres: «Raccomandazioni dell’Oms sono state ignorate»

«Fin dall’inizio della pandemia di coronavirus l’Oms ha fornito informazioni concrete e orientamenti scientifici che avrebbero dovuto essere la base per una risposta globale coordinata.…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, pubblicata la nuova mappa della Via Lattea

Fino ad oggi, non era stato mai pubblicato un censimento così completo della Via Lattea, la galassia a cui appartiene il nostro sistema solare. Complessivamente,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, nel 2019 il riciclo dei rifiuti ha garantito benefici per oltre un miliardo di euro

Oltre un miliardo di euro. A tanto ammontano i benefici diretti del riciclo in Italia, nel 2019. Lo ha riferito il Green Economy Report del…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti-Iran, Zarif: «Accordo non sarà rinegoziato»

«Gli Usa devono smettere di violare le leggi internazionali». Questa la posizione di Teheran, stando alle dichiarazioni del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia