Sofferenze bancarie: riguardano soprattutto le grandi imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sofferenze bancarie: riguardano soprattutto le grandi imprese

Secondo la Cgia di Mestre l'80,2% dei crediti insoluti delle banche è riconducibile a imprese di grandi dimensioni
di Redazione

Non è una novità che, ormai da tempo, le banche italiane stiano affrontando una situazione di seria difficoltà. Tra le motivazioni principali sicuramente l’ammontare di quei crediti concessi per i quali non è sicura la riscossione: le sofferenze.

euro_pil

Nel nostro Paese le sofferenze bancarie ammontavano a oltre 186 miliardi di euro lordi a settembre 2016, una cifra enorme che ha portato anche al credit crunch che ha messo in ginocchio molte imprese italiane, mettendo in difficoltà l’intero sistema economico: non riuscendo a recuperare una parte consistente dei crediti concessi in precedenza, le banche si sono viste costrette ad erogarne sempre meno, a discapito del tessuto imprenditoriale (solo tra il novembre del 2015 e lo stesso mese del 2016 gli impieghi alle imprese italiane sono diminuiti di 21,3 miliardi di euro).
Ma a chi è riconducibile quest’ammontare di crediti in sofferenza? Secondo un recente studio della Cgia di Mestre della gran parte delle sofferenze bancarie presenti in Italia sono responsabili le grandi imprese. In particolare la Cgia spiega che, essendo pari all’80,2% la quota di finanziamenti ottenuta dal primo 10% degli affidati (in quanto tali, si tratta per certo di imprese di grandi dimensioni, non piccoli commercianti), va da sé che l’81,1% delle sofferenze sia causato da quel primo 10% di affidati.
C’è poi un’altra analisi che entra ancor più nel dettaglio, in questo caso del Centro Studi Unimpresa su dati della Banca d’Italia. Secondo l’unione nazionale delle imprese oltre il 42% delle sofferenze bancarie è riconducibile alle imprese del mattone.
Solo le costruzioni sono infatti responsabili del 27,57% delle sofferenze (con 43,5 miliardi di euro), a cui si aggiunge il 15,17% delle attività immobiliari (23,9 miliardi). Due comparti che da soli hanno generato crediti in sofferenza per 67 miliardi di euro.
Piuttosto elevata anche la quota di sofferenze legate alle imprese manifatturiere, il 21,3% pari a 33,6 miliardi di euro, mentre risulta più esigua la quota relativa alle imprese legate in qualche modo al settore del turismo, con un 5,91% e 9,3 miliardi di euro di crediti destinati.
Tornando alle sofferenze in generale, gli ultimi dati di Bankitalia mostrano un nuovo aumento a novembre, passando dai 198,5 miliardi di ottobre ai 199,06 miliardi del mese considerato. Tuttavia, rispetto allo scorso anno si rileva una contrazione: a novembre 2015 l’ammontare delle sofferenze bancarie era di 201 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, von der Leyen: «Obiettivo raggiunto: il 70% degli adulti ha ricevuto una dose di vaccino»

«L’Unione europea ha mantenuto la sua parola. Il nostro obiettivo era proteggere il 70% degli adulti nell’Ue con almeno una dose a luglio. Oggi abbiamo raggiunto…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’FMI ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’Italia per il 2021 e il 2022

Nel 2021, il Prodotto interno lordo italiano crescerà del 4,9% su base annua, dopo il calo dell’8,9% registrato nel 2020. Lo prevede l’FMI, il Fondo…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, esplosione in impianto chimico a Leverkusen

Questa mattina, in un impianto chimico di Leverkusen, in Nordreno Vestfalia, in Germania, si è verificata un’esplosione che ha causato almeno un morto tra i…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Covid-19: Stati Uniti mantengono restrizioni ai viaggi

L’aumento dei contagi registrato nelle ultime settimane e le preoccupazioni legate all’andamento della variante Delta, che sta creando problemi in misura maggiore tra le persone…

27 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia