Imprese: giù protesti e ritardi nei pagamenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: giù protesti e ritardi nei pagamenti

Come spiegato dal Cerved, la diminuzione dei ritardi nei pagamenti, associata al calo dei protesti, lascia intravedere un rafforzamento delle condizioni economico-finanziarie delle imprese italiane
di Redazione

Nel terzo trimestre del 2016, alla luce dei dati sulle abitudini di pagamento e i protesti, il Cerved ha rilevato un ulteriore rafforzamento delle condizioni economico-finanziarie delle imprese italiane. Rispetto allo stesso trimestre del 2015 è infatti diminuito notevolmente il numero delle società protestate, come sono anche scesi di molto i ritardi nei pagamenti.

ritardo_pagamenti

In particolare, emerge dall’Osservatorio, nel periodo considerato il numero di società protestate è sceso ai minimi dal 2008 (inizio delle serie storiche), riportando un -18,2% rispetto al terzo trimestre del 2015 e un -55% rispetto al livello massimo registrato nel 2013. Nel dettaglio si parla di 10,4 imprese protestate tra luglio e settembre del 2016.
La riduzione dei protesti, spiega il Cerved, ha interessato sia tutti i settori che tutte le aree geografiche, con performance particolarmente incoraggianti nel comparto delle costruzioni, interessate da un -20,4%, e nel Nordest del Paese, dove si è registrato un calo dei protesti è stato di 22,3% punti percentuali.
Per quanto riguarda invece i pagamenti, il Cerved ha rilevato un accorciamento dei tempi con cui le imprese hanno pagato i fornitori di 2,4 giorni tra il terzo trimestre del 2015 e lo stesso periodo dell’anno appena concluso, scendendo quindi a 73,6 giorni. Un miglioramento, si legge nel resoconto, legato soprattutto al calo dei ritardi che nel periodo interessato dall’indagine si sono attestati a 14,1 giorni, con un calo di due giornate rispetto allo stesso periodo del 2015.
Altro dato incoraggiante riguarda poi la quota di imprese che ha pagato le fatture nei tempi prestabiliti, aumentata di quasi due punti percentuali rispetto al 2015 – dal 45,8% al 47% – a fronte di una diminuzione della quota di imprese in grave ritardo. Anche in questo caso le performance positive hanno interessato tutti i settori e tutte le aree del Paese.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Guterres: «Raccomandazioni dell’Oms sono state ignorate»

«Fin dall’inizio della pandemia di coronavirus l’Oms ha fornito informazioni concrete e orientamenti scientifici che avrebbero dovuto essere la base per una risposta globale coordinata.…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, pubblicata la nuova mappa della Via Lattea

Fino ad oggi, non era stato mai pubblicato un censimento così completo della Via Lattea, la galassia a cui appartiene il nostro sistema solare. Complessivamente,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, nel 2019 il riciclo dei rifiuti ha garantito benefici per oltre un miliardo di euro

Oltre un miliardo di euro. A tanto ammontano i benefici diretti del riciclo in Italia, nel 2019. Lo ha riferito il Green Economy Report del…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti-Iran, Zarif: «Accordo non sarà rinegoziato»

«Gli Usa devono smettere di violare le leggi internazionali». Questa la posizione di Teheran, stando alle dichiarazioni del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif,…

3 Dic 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia