Solo il 6,7% delle imprese italiane vende online | T-Mag | il magazine di Tecnè

Solo il 6,7% delle imprese italiane vende online

La quota di transazioni legate all'e-commerce è pari a solo l'8,8% delle transazioni commerciali totali
di Redazione

Recentemente un’indagine realizzata da Nielsen ha certificato che l’87% degli internauti italiani effettua acquisti online. Un’altra ricerca, in questo caso di BEM Research, ha invece dimostrato che nei Paesi dove l’e-commerce è maggiormente diffuso, le imprese sono più grandi, assumono, producono e investono di più, con effetti positivi anche sulla produttività dei lavoratori. Eppure la quota di imprese che in Italia decidono di puntare su strumenti per favorire il commercio elettronico è ancora piuttosto bassa rispetto alla media europea.

e-commerce

Secondo il Centro Studi Impresa Lavoro, solo il 7,6% delle imprese italiane vende online i propri beni e servizi, un dato in aumento rispetto al 5,3% del 2014 e al 6,7% del 2015, ma nettamente inferiore rispetto al 17,8% della media europea. Nella classifica europea siamo infatti terzultimi, facendo meglio solamente di Romania, con una quota de 7,4%, e Bulgaria, con il 5,4%.
Al vertice della classifica troviamo invece Irlanda, con il 30,3%, Danimarca, 27,7% e Svezia, 26,8%. Osservando le quote di imprese che vendono online dei nostri principali partner spicca il sesto posto della Germania con il 26,2%, mentre il Regno Unito si posiziona nono con il 19,4%, seguito dalla Spagna con il 19,1%. La Francia si piazza appena al di sotto della media europea con il 16,6%.
In Italia, di conseguenza, risulta esigua anche il peso delle transazioni online sul totale delle transazioni commerciali. Secondo le elaborazioni del Centro studi le transazioni commerciali online costituiscono solo l’8,8% del totale, contro il 16,4% della media europea. Al top in questo senso troviamo l’Irlanda, il Belgio e la Repubblica Ceca, rispettivamente con il 35,1%, il 31,3% e il 30,5%. Al di sopra della media Ue troviamo anche il Regno Unito, con il 19%, e la Francia con il 16,7%. Spagna appena al di sotto della media con il 15,5% mentre in Germania le transazioni online sono il 14,4% delle transazioni commerciali totali.
Uno studio realizzato dal Politecnico di Milano spiega comunque che l’e-commerce in Italia sta facendo notevoli passi in avanti, soprattutto grazie al mobile. Nel 2016 il valore degli acquisti in rete da parte degli italiani potrebbe esser cresciuto del 18% arrivando a toccare i 20 miliardi di euro. La crescita ha interessato sia le transazioni legate ai beni, con un +32%, che quelle legate ai servizi, per le quali si rileva invece un più lieve +8%. Come spiegato il contributo del mobile è stato notevole, basti pensare che il valore delle transazioni effettuate tramite dispositivi mobili ha registrato un +63% a 3,3 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: contagi in aumento per la terza settimana, in crescita anche le intensive e i ricoveri

Contagi in crescita (da 160.829 a 244.353, +51,9%) per la terza settimana di fila. Così la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia in…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Premio Nobel per la Letteratura 2022 a Annie Ernaux

Annie Ernaux, 81 anni, ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura 2022 «per il coraggio e l’acutezza clinica con cui svela le radici, gli…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Consiglio Europeo adotta le nuove sanzioni contro Mosca

«Il pacchetto concordato comprende una serie di misure volte a rafforzare la pressione sul governo e sull’economia russa, a indebolire le capacità militari della Russia…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Usa:«Basta con questo atteggiamento provocatorio»

«Il nostro messaggio alla Corea del Nord: basta con l’atteggiamento sconsiderato, provocatorio e che porta all’esclation. Torni al dialogo». E’ quanto si legge nel twitt…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia