Riparte il mercato della pubblicità nel 2016: +1,7% su anno | T-Mag | il magazine di Tecnè

Riparte il mercato della pubblicità nel 2016: +1,7% su anno

La crescita riguarda soprattutto tv, radio e online. Calano invece gli investimenti su quotidiani e periodici
di Redazione

Ha registrato una crescita dell’1,7% il mercato degli investimenti pubblicitari nel 2016 rispetto al 2015, mentre nel mese di dicembre la raccolta è cresciuta dell’1,2%. È quanto emerge dalla ricerca fatta da Nielsen, che sottolinea come gli investimenti pubblicitari in Tv sono cresciuti del 4% nel mese di dicembre e hanno chiuso il 2016 con una crescita del 5,4%. Calano invece gli investimenti su quotidiani e periodici: nel singolo mesela diminuzione è dell’8,4% e del 9,3%, nell’intero 2016 del 6,7% e del 4%. Continuano a crescere gli investimenti nella radio, dove a dicembre la crescita registrata è stata del 15% e del 2,3% per l’intero 2016. Gli investimenti su internet aumentano principalmente su search e social (+3% a dicembre e +3,4% nell’intero 2016) che però attualmente non sono monitorati; mentre sul perimetro monitorato nel web, il calo è stato del 2,3% nell’intero 2016 e dell’1,2% nel mese di dicembre. La crescita degli investimenti pubblicitari nelle sale cinematografiche è stata buona sia a dicembre sia nei 12 mesi del 2016 dove la crescita è stata del 6,9%.

ipad-605440_1920

Entrando nel dettaglio dei settori merceologici, le telecomunicazioni hanno registrato un aumento del 4,8% nel 2016, la distribuzione dell’11,2% e i farmaceutici/sanitari del 7,7%, calano invece gli investimenti pubblicitari della finanza (-14%) e dell’abbigliamento (-5,9%). Ottima le crescita anche del settore automobilistico con una crescita del 5,9% nei 12 mesi, dell’industria/edilizia (+38,4%), tempo libero (+16,9%) e dell’abitazione (+6,3%).
Alberto Dal Sasso, managing director della Nielsen, ha precisato che la crescita è stata spinta da un maggior investimento medio su tutti i mezzi. “Il 2017 inizia con una buona spinta. Anche se privo di grandi eventi mediatici, l’anno beneficerà di un 2016 che ha visto il consolidamento degli investimenti da parte di aziende abituate a comunicare e che continueranno a farlo. Probabilmente saranno sacrificati i piccoli budget, ma in periodi di incertezza è una dinamica di mercato preferibile per una industry che sta affrontando un grande cambiamento in termini di innovazione tecnologica e organizzativa”, ha aggiunto Dal Sasso.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: contagi in aumento per la terza settimana, in crescita anche le intensive e i ricoveri

Contagi in crescita (da 160.829 a 244.353, +51,9%) per la terza settimana di fila. Così la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia in…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Premio Nobel per la Letteratura 2022 a Annie Ernaux

Annie Ernaux, 81 anni, ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura 2022 «per il coraggio e l’acutezza clinica con cui svela le radici, gli…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Consiglio Europeo adotta le nuove sanzioni contro Mosca

«Il pacchetto concordato comprende una serie di misure volte a rafforzare la pressione sul governo e sull’economia russa, a indebolire le capacità militari della Russia…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Usa:«Basta con questo atteggiamento provocatorio»

«Il nostro messaggio alla Corea del Nord: basta con l’atteggiamento sconsiderato, provocatorio e che porta all’esclation. Torni al dialogo». E’ quanto si legge nel twitt…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia