Il contributo dell’export alla crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo dell’export alla crescita

Pesa l'andamento del commercio mondiale, le esportazioni verso i Paesi extra-Ue sono diminuite dell'1,2%
di Redazione

Si è chiuso positivamente il 2016 per le esportazioni italiane. Sia il mese di dicembre che l’intero anno hanno infatti riportato una crescita delle vendite di prodotti italiani verso l’estero, risultato di buone performance sia sui mercati europei che sui mercati al di fuori dell’Unione.

container

A dicembre l’Istat ha infatti registrato un aumento delle esportazioni pari al 2,3% rispetto al mese precedente (+2,5% per quelle verso i Paesi extra-Ue e +,1% per quelle verso i Paesi dell’Ue) e del 5,7% rispetto allo stesso mese del 2015 (+7,3% per quelle verso i Paesi dell’area Ue e +4,1% per quelli al di fuori dell’area). Risultati che contribuiscono al +1,1% messo a segno nell’intero 2016.
Confrontando però l’aumento registrato nel corso dello scorso anno con le crescite degli anni precedenti (+3,4% nel 2015 sul 2014 e +2,2% nel 2014 sul 2013) si può notare come il contributo del commercio con l’estero alla crescita economica del Paese nel 2016 sia stato nettamente inferiore rispetto a qualche anno fa.
A pesare sulle performance del 2016 è stato sicuramente il rallentamento del commercio mondiale e non a caso a fornire un impatto negativo sul consuntivo annuo sono state le esportazioni verso i Paesi extra-Ue, diminuite dell’1,2% a fronte di un aumento del 3% per le vendite verso i paesi dell’Unione europea.
Nel 2016, ha spiegato più volte anche l’Istat, il contributo maggiore alla crescita è dunque arrivato dalla domanda nazionale, una tendenza che potrebbe già invertirsi a partire dal 2017. Secondo REF Ricerche le crescite previste sia per il 2017 che per il 2018 – rispettivamente dell’1% e dello 0,9% – saranno legate soprattutto all’export, in vista soprattutto di una ripresa del commercio mondiale (salvo smentite legate alle spinte protezionistiche che si stanno via via diffondendo), mentre i consumi interni potrebbero tornare a rallentare, soprattutto nel breve termine a causa di una ripresa dell’inflazione.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «A luglio fatturato dell’industria in calo dello 0,1% su base mensile»

«A luglio si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, diminuisca dello 0,1%, in termini congiunturali, sintesi di una variazione nulla sul…

28 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Netto calo dell’indice del clima di fiducia dei consumatori e delle imprese a settembre 2022»

«A settembre 2022 si stima un calo deciso sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 98,3 a 94,8) sia dell’indice composito del clima…

28 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Cina: «Referendum? Rispettare sovranità territorio»

«La posizione della Cina sulla questione dell’Ucraina è stata sempre chiara: abbiamo sempre sostenuto che l’integrità sovrana e territoriale di tutti i Paesi dovrebbe essere…

28 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Filorussi: «Dopo referendum passiamo ad una nuova fase della battaglia»

«Ora passiamo a una nuova fase di combattimenti come parte della Federazione Russa». Lo ha detto il capo della sedicente repubblica di Donetsk, Denis Pushilin,…

28 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia