Il settore della moda è in buona salute | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il settore della moda è in buona salute

In Italia le aziende della moda possono vantare un tasso di crescita del fatturato superiore a quello registrato dall'intero settore manifatturiero
di Redazione

Gli ultimi dati diffusi dall’Area Studi di Mediobanca (MBRES) sul settore della moda a livello mondiale delineano una ripresa rispetto al biennio precedente, quando si era assistito ad un rallentamento della crescita rispetto al periodo 2011-2012.

hats-829509_1280

Il giro d’affari mondiale della moda è salito infatti del 12% a tassi correnti, a 251 miliardi di euro, accelerando rispetto al +3% registrato sia nel 2013 che nel 2014. La crescita si riporta dunque in doppia cifra, riagganciando il trend cha ha interessato il biennio 2011-2012 con crescite rispettivamente del 10% e dll’11%. Per il 2016, le stime preliminari indicano un calo dell’1%.
Osservando le singole aree del mondo, il mercato statunitense appare come il più dinamico. Il giro d’affari USA è infatti cresciuto del 18% raggiungendo gli 85 miliardi di euro, superando quello europeo, che con un +9% si porta a 83 miliardi. Alle spalle troviamo poi Giappone con 20 miliardi (+13%) e Cina con 18 miliardi (+17%).
Un contributo notevole alle vendite mondiali è stato senza dubbio fornito dal commercio online. Il valore delle vendite su internet ha infatti raggiunto i 17 miliardi di euro e si prevede un ulteriore aumento del 26% nel 2016.
Osservando nel dettaglio il mercato italiano, il centro studi sottolinea come le aziende della moda possano vantare un aumento del fatturato superiore rispetto agli altri grandi gruppi manifatturieri italiani quotati. Mentre le prime hanno messo segno una crescita del 9,4% le grandi aziende manifatturiere italiane hanno registrato un più lieve +4,8%.
Tra il 2011 ed il 2015 il fatturato del sistema moda è aumentato del 28,4%, mentre quello della manifattura in generale ha registrato un +7,7%. Nello stesso arco di tempo anche il trend legato all’occupazione è stato nettamente diverso. Mentre tra il 2011 ed il 2015 il numero degli occupati nel settore italiano della moda è aumentato del 21,1% , nella manifattura si è registrato un +12,8%.
Non solo, anche in termini di rapporto tra indebitamento finanziario e patrimonio le aziende della moda fanno meglio: mentre nella grande manifattura i debiti finanziari sono pari al 149,9% del patrimonio netto, nel sistema moda si scende al 31,8%.

 

Scrivi una replica

News

Istat: “Nel II trimestre prezzi abitazioni +1,7% sul trimestre e +0,4% su base annua”

“Secondo le stime preliminari, nel secondo trimestre 2021 l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie, per fini abitativi o per investimento, aumenta dell’1,7%…

20 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 71,50 dollari al barile e Brent a 74,93 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 71,50 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 74,93 dollari.…

20 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 102 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 102 punti.…

20 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, sparatoria nell’Università di Perm: diversi i feriti

La Tass ha reso noto che una persona non identificata ha aperto il fuoco nell’Università Statale di Perm in Russia, ferendo diverse persone.…

20 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia