I numeri del lavoro autonomo in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

I numeri del lavoro autonomo in Europa

Il numero degli indipendenti attivi nel nostro Paese resta il più alto in Europa, dove le principali economie sono caratterizzate da una maggiore presenza di medie e grandi imprese che assorbono quote considerevoli di occupati
di Redazione

Dalla lettura degli ultimi dati (provvisori) dell’ISTAT su occupati e disoccupati – i prossimi saranno diffusi a breve, il 2 marzo – emergeva che, a dicembre del 2016, quella relativa ai lavoratori indipendenti era l’unica voce in calo. Tanto rispetto al mese precedente (-52mila unità, -1%) quanto allo stesso periodo dello scorso anno (-24mila unità, -0,4%).

giovani_lavoro

Un dato in linea con quelli del passato recente. Non mancano le analisi che hanno sottolineato le difficoltà incontrate dai lavoratori indipendenti negli anni della crisi economica.
Eppure, nonostante l’emorragia occupazionale che li ha coinvolti – Confesercenti stima che i lavoratori autonomi sono diminuiti di 552 mila unità tra il 2007 e il 2015 (-10%) –, il numero degli indipendenti attivi nel nostro Paese resta il più alto in Europa.
Uno studio della CNA – l’analisi considera i dati dell’Eurostat relativi al terzo trimestre del 2016 – sottolinea che in Italia, tra la popolazione di età lavorativa compresa tra i 15 e i 64 anni, gli occupati indipendenti sono 4,7 milioni. Il numero più alto registrato tra i Paesi dell’UE. Nel Regno Unito e in Germania se ne contano (rispettivamente) 4,3 milioni e 3,9 milioni di unità. Mentre Spagna e Francia si fermano entrambe a 2,9 milioni di lavoratori autonomi.
Se si considera il rapporto tra gli indipendenti e l’occupazione complessiva, le cose prendono una piega leggermente diversa: in Italia gli autonomi sono il 21,1% degli occupati, una percentuale più bassa rispetto solo alla Grecia, dove gli indipendenti sono il 29,2%, ma più alta di quella registrata altrove.
Nei principali paesi europei l’incidenza dei lavoratori indipendenti sull’occupazione complessiva risulta ben più contenuta che in Italia: 16,0% in Spagna, 14,1% nel Regno Unito, 11,2% in Francia, 9,4% in Germania.
L’analisi della CNA osserva che il diverso peso del lavoro indipendente in Italia rispetto alle principali economie europee è dovuto al fatto che quest’ultime sono caratterizzate da apparati produttivi, dove la presenza di imprese di medie e grandi dimensioni è maggiore, in grado di assorbire quote considerevoli di occupazione dipendente e, in special modo, giovanile.

 

Scrivi una replica

News

Istat: «A luglio fatturato dell’industria in calo dello 0,1% su base mensile»

«A luglio si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, diminuisca dello 0,1%, in termini congiunturali, sintesi di una variazione nulla sul…

28 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Netto calo dell’indice del clima di fiducia dei consumatori e delle imprese a settembre 2022»

«A settembre 2022 si stima un calo deciso sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 98,3 a 94,8) sia dell’indice composito del clima…

28 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Cina: «Referendum? Rispettare sovranità territorio»

«La posizione della Cina sulla questione dell’Ucraina è stata sempre chiara: abbiamo sempre sostenuto che l’integrità sovrana e territoriale di tutti i Paesi dovrebbe essere…

28 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Filorussi: «Dopo referendum passiamo ad una nuova fase della battaglia»

«Ora passiamo a una nuova fase di combattimenti come parte della Federazione Russa». Lo ha detto il capo della sedicente repubblica di Donetsk, Denis Pushilin,…

28 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia