Le imprese trainano la ripresa degli investimenti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le imprese trainano la ripresa degli investimenti

Non mancano fattori di incertezza che potrebbero mettere a rischio la graduale crescita degli investimenti
di Redazione

Un rapporto della BEI sostiene che la ripresa degli investimenti nell’Unione europea non procede di pari passo a quella dell’economia complessiva, che cresce (seppure ad un ritmo ancora lento) più velocemente.
Dal report della Banca europea per gli investimenti – l’indagine ha coinvolto 12.500 imprese, sparse nell’UE, di cui 622 italiane –, emerge che nell’ultimo triennio, grazie soprattutto al contributo delle imprese, gli investimenti sono aumentati del 3,1% annuo. Una percentuale inferiore al tasso medio registrato prima dell’inizio della crisi economica. Ma “ben al di sotto” dei tassi di crescita degli investimenti durante i periodi di ripresa post-crisi finanziarie, osserva il report.

soldi

L’incremento non ha coinvolto tutti i Paesi europei in egual misura, però: alla metà del 2016, gli investimenti nei “Paesi centrali” – termine con il quale lo studio indica le economie meno colpite dalla crisi economica (Belgio, Germania, Francia, Paesi Bassi, Regno Unito…) – avevano raggiunto i livelli precedenti alla crisi economica.
Nei “Paesi periferici” – oltre all’Italia, l’elenco comprende Cipro, Grecia, Spagna, Irlanda, Slovenia
e Portogallo – gli investimenti sono ancora inferiori del 27% al livello pre-crisi.
Le imprese hanno contribuito in misura maggiore alla (lenta) ripresa degli investimenti rispetto ai governi e alle famiglie. Ciò vale tanto nei “Paesi centrali”, dove gli investimenti delle imprese hanno raggiunto il picco pre-crisi, quanto in quelli “periferici”.
Tuttavia il rapporto tra gli investimenti delle imprese e il Prodotto interno lordo (PIL) rimane inferiore alla media registrata tra il 1999 e il 2005.
Non mancano fattori di incertezza che potrebbero mettere a rischio la ripresa graduale degli investimenti.
La BEI indica il declino della crescita di produttività, i livelli relativamente bassi di investimento in immobilizzazioni immateriali – ovvero gli investimenti in ricerca&sviluppo, brevetti, innovazione… – e il calo di quelli in infrastrutture, passati dal 2,3% all’1,7% del PIL dal 2009, ma l’elenco include anche le difficoltà di accesso al credito bancario.
E ciò vale soprattutto per le imprese italiane, che dipendono più delle concorrenti europee da fonti di finanziamento esterno (il 45 contro il 36%): il 9% degli imprenditori italiani, coinvolti nell’indagine, ha difficoltà a ottenere dei finanziamenti.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Biden giovedì riceverà i leader di Svezia e Finlandia

«Il presidente americano Joe Biden riceverà giovedì alla Casa Bianca la premier svedese Magdalena Andersson e il presidente della Finlandia Sauli Niinisto». Lo lo ha reso…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confindustria: «La scuola ritorni al centro delle riforme»

«Facciamo un appello al Ministro Bianchi e al Premier Draghi perché la scuola possa tornare al centro delle riforme. Dobbiamo e vogliamo ascoltare i ragazzi». Lo…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Export in aumento del 22,9% su base annuale. Import +38,8%. Calano le vendite alla Russia»

«A marzo 2022 si stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le esportazioni (+1,7%) che per le importazioni…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Ad aprile inflazione rallenta dello 0,1% su base mensile. Su base annuale +6%»

«Nel mese di aprile 2022, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una diminuzione…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia