Come se la passano le famiglie italiane | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come se la passano le famiglie italiane

I dati dellʼIstat evidenziano un miglioramento delle condizioni economiche delle famiglie consumatrici per il 2016
di Redazione

Le ultime rilevazioni dell’Istat su reddito, potere d’acquisto, risparmio e tasso d’investimento delle famiglie consumatrici italiane, delineano per il 2016 un quadro lievemente positivo.
Nel corso del 2016 infatti il reddito disponibile delle famiglie italiane è aumentato dell’1,6%, mentre la spesa per consumi finali ha segnato un progresso dell’1,3%, dando luogo – spiega l’Istat – ad “un aumento della propensione al risparmio di 0,2 punti percentuali rispetto al 2015”. In crescita anche il potere d’acquisto, +1,6% rispetto al 2015, e tasso d’investimento, +0,2% al 6,1%, con gli investimenti fissi lordi aumentati del 3,7% nel corso dell’anno.

Tutto sommato quindi, nel corso del 2016, la situazione delle famiglie consumatrici italiane sembra essere lievemente migliorata. A conferma dell’andamento osservato dagli ultimi dati, anche il clima di fiducia dei consumatori, cresciuto a dicembre di tre punti, con buoni risultati soprattutto per la componente personale – il cui clima sale da 101,3 punti a 102,7 – e per quella familiare: i giudizi e le attese sulla situazione economica della propria famiglia si sono portati rispettivamente da -30 a -25 e da -5 a -4, le opportunità attuali e future di risparmio da 103 a 112 punti e da -38 a -35 punti e le opportunità attuali all’acquisto di beni durevoli da -54 a -53. Peggiora solamente l’indice relativo ai giudizi sul bilancio familiare, da 5 a 3 punti.
Ma, tornando alle ultime rilevazioni dell’Istituto, vediamo nello specifico l’andamento dei singoli indicatori negli ultimi anni.
Per quanto riguarda il reddito disponibile, la variazione messa a segno nel 2016 (+1,6%) è la migliore dal 2011, quando si registrò un +2,5%. Già nel 2012 si registrò un calo del 2,7%, a cui seguì il +0,5% del 2013, il +0,6% del 214 ed il +0,8% del 2015. Anche per la spesa per i consumi finali, quella registrata lo scorso anno (+1,3%) è una variazione significativa. Sebbene si mostri in lieve rallentamento rispetto al +1,5% del 2015, rappresenta comunque il secondo miglior risultato dal 2011 (quando si registrò un +2,9%). Il +1,6% registrato per il potere d’acquisto è invece l’aumento maggiore registrato dal 2001.
Per quanto riguarda invece gli investimenti fissi lordi, bisogna addirittura tornare al 2007 (+5,1%) per trovare un aumento superiore rispetto al +3,7% registrato nel 2016. Di conseguenza risulta in miglioramento anche il tasso d’investimento (dato dal rapporto tra investimenti fissi lordi delle famiglie sul loro reddito disponibile lordo), salito al 6,1%: il livello più alto dal 6,4% del 2013.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Di Maio: «Il 16 maggio credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco»

«Credo sia una data auspicabile per superare il coprifuoco». Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, riferendosi al 16 maggio, nel corso di un…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cultura, Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”

Vibo Valentia è la “Capitale italiana del Libro 2021”. Lo ha annunciato il presidente della Giuria, Romano Montroni, comunicandolo al ministro della Cultura, Dario Franceschini,…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini, Erdogan: «Scienza è bene comune dell’umanità»

«La scienza è un bene comune dell’umanità, non devono esserci gelosie. Quando sarà pronto, la Turchia condividerà con tutti il suo vaccino contro il Covid-19».…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 414mila nuovi casi in 24 ore in India

Sono stati 414 mila i nuovi casi di coronavirus registrati in India, dove purtroppo ci sono state anche 3.914 decessi.…

7 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia