Dalle PMI del Centro-Nord segnali di ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Dalle PMI del Centro-Nord segnali di ripresa

Nel 2015 le pmi centro-settentrionali hanno visto crescere il fatturato, il valore aggiunto e il margine operativo lordo
di Redazione

Una porzione consistente delle imprese italiane – il Centro-Nord ne conta circa 111mila, pari all’82% del totale nazionale – mostra importanti segnali di ripresa. Il Rapporto PMI Centro-Nord 2017 curato da Confindustria e dal Cerved lo certifica, sottolineandone anche la rilevanza per l’economia nazionale: le PMI centro-settentrionali producono 168 miliardi di euro di valore aggiunto (pari a oltre il 10% del Prodotto interno lordo italiano) e impiegano poco più di 3 milioni di addetti e un fatturato pari a 727,5 miliardi di euro.

Il saldo tra le imprese nate e quelle che hanno cessato la propria attività è il primo segnale positivo, a cui se ne aggiungo altri. L’emorragia di piccole e medie imprese, iniziata nel 2009, si è (finalmente) interrotta nel Nord-Est (+0,3% nel 2015) e nel Nord-Ovest (+1,8%). Al Centro, le cose vanno meno bene: il tessuto imprenditoriale ha continuato a subire una riduzione, anche se meno consistente agli ultimi anni (nel 2015 il calo è stato dello 0,7%).
Cresce anche il fatturato – da notare, però, che i livelli pre-crisi rimangono comunque ancora lontani –, nel 2015 è aumentato nel Nord-Est e nel Nord-Ovest con tassi che si aggirano intorno al 3% e dunque di poco inferiori a quelli registrati nel Centro (+2,2%).
L’impatto della crisi economica non è stato omogeneo: alcune PMI hanno sofferto più di altre – il rapporto osserva che ad uscire dal mercato sono state principalmente le imprese con un grado di rischio economico finanziario elevato già nel 2007 – mentre quelle che sono sopravvissute alle difficoltà della crisi ne sono uscite rafforzate, con bilanci consolidati.
Il tessuto imprenditoriale italiano conta meno PMI – nel 2016, ad esempio, le imprese attive presenti in Italia erano 134.553 in meno rispetto al 2009 (dati Unioncamere-InfoCamere) –, ma quelle presenti sul mercato sono più solide. Anche se emergono sostanziali differenze a livello territoriale: il report Confindustria-Cerved sottolinea che quelle del Nord presentano una minore fragilità rispetto alle concorrenti del Centro.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Draghi: «Richiesta adesione Finlandia e Svezia è una chiara risposta all’invasione russa dell’Ucraina»

«È una chiara risposta all’invasione russa dell’Ucraina e alla minaccia che rappresenta per la pace in Europa, per la nostra sicurezza collettiva». Così il presidente…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Da Mosca atto ostile, ma no stop a diplomazia»

«È un atto ostile ma non bisogna assolutamente interrompere i rapporti diplomatici». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, commenta, in occasione dell’incontro con la…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bielorussia introduce pena di morte per chi prepara atti di terrorismo

La Bielorussia ha introdotto la pena di morte per la preparazione di atti terroristici. Lo ha reso noto l’Interfax.…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Non saremo i primi a lanciare un attacco Nucleare»

Il vice primo ministro russo, Yuri Borisov, ha affermato che la Russia non sarà la prima a lanciare un attacco nucleare.…

18 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia