Il contributo delle imprese femminili in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il contributo delle imprese femminili in Italia

La maggior parte è attiva nel Sud e nelle Isole, dove il loro “peso” sull'insieme del tessuto produttivo delle regioni meridionali è maggiore rispetto alle altre aree del Paese
di Redazione

Il tessuto imprenditoriale italiano – in tutto le aziende attive nel nostro Paese sono poco più di sei milioni (dati Unioncamere-Infocamere) – è in buona parte composto da imprese femminili.

L’Osservatorio imprenditoria femminile di Unioncamere-Infocamere ha quantificato quante sono e ne ha analizzato la distribuzione territoriale. Ciò che emerge è un quadro (molto) interessante e che certifica come l’iniziativa imprenditoriale può essere un antidoto alla crisi occupazionale che riguarda principalmente le donne (e i più giovani).
Secondo i dati di Unioncamere-Infocamere – i più recenti a disposizione sono aggiornati al 31 marzo 2017 –, le imprese femminili registrate nel nostro Paese sono 1.316.017. Di queste, il numero più alto è attivo nel Mezzogiorno, dove il tasso di occupazione femminile è decisamente più basso rispetto alle altre aree del Paese: secondo l’ISTAT, nel primo trimestre 2017 era al 31,3% contro il 48,2% della media nazionale e il 58,8% rilevato nel Nord del Paese.
Nel Sud e nelle Isole, le aziende guidate da una donna sono 474.376, pari al 36% dell’universo imprenditoriale femminile italiano. Nel Nord-Ovest, nel Nord-Est e al Centro sono molte di meno: rispettivamente 311.725, 231.520 e 298.396 unità.
Oltre a certificarne le superiorità numerica, il dossier di Unioncamere-Infocamere osserva che il “peso” delle imprese femminili sull’insieme del tessuto produttivo delle regioni meridionali è maggiore rispetto alle altre aree del Paese.
Nel Mezzogiorno, il tasso di femminilizzazione – ovvero il rapporto tra il totale delle imprese e la componente femminile – raggiunge quasi il 23,6%. Il 2% circa in più rispetto al dato medio nazionale (21,75%) ma anche un punto percentuale in più rispetto al Centro, dove si contano 299mila imprese con un tasso di femminilizzazione del 22,5%, e quasi 4 punti percentuali in più rispetto al Nord-Est (oltre 231mila imprese, pari al 20% del totale) e al Nord-Ovest (circa 312mila imprese e un tasso di femminilizzazione del 19,9%).
Se si considera la classifica delle imprese per tasso di femminilizzazione, le prime dieci posizioni sono occupate da regioni del Mezzogiorno – Molise, Basilicata e Abruzzo sono ai primi tre posti –, mentre le regioni dove, al contrario, le realtà imprenditoriali femminili incidono meno sul totale sono tutte settentrionali (Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto).

 

Scrivi una replica

News

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,37 dollari al barile e Brent a 67,33 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato 63,37 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 67,33 dollari.…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stellantis, vendite a marzo 2021 in aumento del 141% rispetto allo stesso mese del 2020

Il gruppo Stellantis ha venduto 292.149 auto a marzo 2021, il 140,9% in più rispetto a marzo 2020. Nel primo trimestre le immatricolazioni sono 669.676,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto, a marzo 2021 vendite in aumento del 62,7% rispetto a marzo 2020

Stando ai dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei, a marzo in Unione Europea, Paesi Efta e Regno Unito sono state vendute 1.387.924 auto, il 62,7%…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia