Imprese: il credit crunch frena la crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: il credit crunch frena la crescita

Private dei finanziamenti necessari, molte aziende non dispongono delle risorse per nuovi investimenti produttivi e, in alcuni casi, per proseguire con la propria attività
di Redazione

L’ultimo Risk Outlook della Consob rivela che l’Italia è l’unico tra i quattro Paesi della Zona euro – gli altri sono Germania, Francia e Spagna –, dove le imprese hanno ancora difficoltà nell’ottenere del credito bancario. Si tratta di un dato tutt’altro che positivo.

Lo è specialmente se si considera l’importanza dei finanziamenti esterni (quindi anche quelli concessi dalle banche) per le imprese italiane: un’indagine della BEI su investimenti e finanza – lo studio ha coinvolto 12.500 imprese sparse nell’UE, di cui 622 italiane – ne ha sottolineato la maggiore dipendenza rispetto alle concorrenti europee (il 45 contro il 39%).
In una recente nota, il Centro studi Confindustria ha sottolineato che “nell’attuale fase, la mancanza di credito per le imprese sta frenando la crescita italiana”. Private dei finanziamenti, molte aziende non dispongono delle risorse “per nuovi investimenti produttivi, per il magazzino e, in alcuni casi, addirittura per l’attività corrente”. Meglio va a quelle che invece hanno accesso diretto ai mercati di capitale o hanno una maggiore capacità di autofinanziamento.
Il CsC ha puntualizzato che “varie analisi hanno evidenziato il contributo importante fornito dal credito alla crescita del PIL nella fase pre-crisi”. Tra il 2004 e il 2007 i prestiti alle imprese sono cresciuti mediamente in Spagna (+24% l’anno), Italia (+9%) e Francia (+8%). Tutti questi Paesi hanno registrato in quel periodo un’espansione dell’economia (in Italia +1,5% medio annuo nel 2004-2007).
Eppure gli imprenditori hanno avuto molte difficoltà nell’ottenere i finanziamenti richiesti: Confcommercio stima che, tra il dicembre 2011 e il dicembre 2016, le imprese hanno perso quasi 120 miliardi di prestiti (attualmente il credito alle imprese in Italia è pari a circa 776 miliardi, contro gli 893 di cinque anni fa).
Altrove le cose sono andate meglio: in Francia e Germania il credito concesso agli imprenditori è aumentato rispettivamente di 92,5 e 18,3 miliardi di euro.
Inoltre la stretta creditizia non ha colpito tutte le imprese allo stesso modo: una ricerca di Confesercenti, condotta sulla base dei dati della Banca d’Italia, sottolinea che, dal 2010 al 2016, il credit crunch è stato particolarmente intenso soprattutto per le piccole imprese italiane – ovvero quelle che impiegano meno di nove addetti –, nonostante la rischiosità delle piccole non sia superiore a quella delle grandi imprese.

 

Scrivi una replica

News

Maria Chiara Carrozza nominata presidente del Consiglio nazionale delle Ricerche

Maria Chiara Carrozza, classe 1965, è stata nominata presidente del CNR, il Consiglio Nazionale delle Ricerche. L’ha nominata la ministra dell’Università e della Ricerca, Maria…

12 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, vaccino Astrazeneca anche agli over 55

La Francia ha abbassato l’età per il vaccino AstraZeneca, che verrà inoculato alle persone con più di 55 anni.…

12 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confindustria: “A fine 2022 l’economia italiana colmerà il gap generato con la crisi pandemica”

“A fine 2022 il lungo recupero dell’economia italiana porterà alla completa chiusura del gap generato con la crisi pandemica . Per la ripresa dell’Italia sarà…

12 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 277 morti in Russia in 24 ore: dato più basso dal 9 novembre

La Russia ha registrato 277 morti nelle ultime 24 ore, registrando il dato più basso dal 9 novembre.…

12 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia