Industria: prosegue l’espansione dell’attività manifatturiera | T-Mag | il magazine di Tecnè

Industria: prosegue l’espansione dell’attività manifatturiera

Mentre il settore energetico e quello estrattivo riportano segnali di debolezza, la manifattura continua a crescere: +0,9% congiunturale, +0,9% trimestrale, 3,1% annuo e +1,3% per la media del periodo gennaio-maggio sullo stesso periodo dello scorso anno
di Redazione

A maggio l’indice dell’Istat che misura la produzione industriale del Paese è tornato in territorio positivo sia a livello congiunturale che tendenziale, arrivando a toccare in entrambi i casi il secondo valore più elevato dall’inizio dell’anno. Un contributo fondamentale è stato dato alle attività manifatturiere che, al contrario del settore energetico e di quello estrattivo, continua ad espandersi.

Rispetto ad aprile (quando si registrò un calo dello 0,5%), infatti, la produzione industriale è aumentata dello 0,7%, mentre rispetto allo stesso mese dello scorso anno si rileva una crescita del 2,8% sia per l’indice corretto per gli effetti di calendario (ad aprile si registrò un +0,9%) che per il dato grezzo (-6,6% ad aprile). Bene anche il confronto tra il trimestre marzo-maggio e dicembre 2016-febbraio 2017, rispetto al quale si registra una crescita dello 0,2%. Ancora più marcato l’incremento registrato nell’arco di questi primi cinque mesi rispetto allo stesso periodo di un anno fa: 1,7%.
Osservando i principali raggruppamenti di industrie si nota un aumento congiunturale considerevole della produzione sia di beni strumentali (+2,3%) che di beni di consumo durevoli (+2,7%), mentre quelli di consumo non durevoli (-0,2%), quelli intermedi (-0,4%) e l’energia (-1%) riportano un calo. A livello trimestrale (confrontando quindi questi ultimi tre mesi con i precedenti) la produzione di beni di consumo risulta aumentata dell’1,6% (+3,8% per quelli durevoli e +1,2% per quelli non durevoli), quella di beni strumentali del 2,1%. Variazione nulla per la produzione di beni intermedi e calo del 7,4% per l’energia.
Rispetto ad un anno fa si registra un aumento di tutti i raggruppamenti: per i beni di consumo si rileva infatti un +2,5% (+8,7% per quelli durevoli e +1,6%) per quelli non durevoli), +5,9% per quelli strumentali, +0,4% per quelli intermedi e +1% per l’energia. Il consuntivo sui primi cinque mesi mostra una crescita dell’1,3% per la produzione di beni di consumo (+2,7% per quelli durevoli, +1,2% per quelli non durevoli), un +0,8% per quelli strumentali, un +1,4% per quelli intermedi e un +4,5% per l’energia.
Osservando i settori di attività economica salta subito all’occhio il buon andamento delle attività manifatturiere (+0,9% congiunturale, +0,9% trimestrale, 3,1% annuo e +1,3% per la media del periodo gennaio-maggio sullo stesso periodo dello scorso anno), trend previsto in espansione anche dalle rilevazioni di IHS Markit. L’indice Pmi (che monitora appunto l’attività del settore manifatturiero) è cresciuto a 55,2 punti a giugno, confermando la risalita che ha portato a chiudere il miglior trimestre degli ultimi sei anni. “La produzione è aumentata ad un tasso più rapido sostenuta da una crescita forte e prolungata di nuovi ordini. I dati sui nuovi ordini giunti dall’estero sono stati particolarmente positivi, mostrando il maggiore incremento in oltre due anni”, spiegano infatti gli economisti di Markit.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, la Corte Suprema ha abolito la sentenza che garantiva il diritto all’aborto

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva reso legale l’aborto negli…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Grazie alle misure che si stanno pensando, non vi sarà un’emergenza energetica in inverno»

«Le misure che si stanno pensando assicurano che non vi sia emergenza» energetica «durante l’inverno». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo in conferenza…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Siamo impegnati a proteggere e sostenere il potere d’acquisto degli italiani»

«Nell’area dell’euro, soprattutto a causa dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, le previsioni sono di un rallentamento un po’ in tutti i Paesi. Noi siamo impegnati…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quarantacinque località balneari italiane premiate con le 5 Vele da Legambiente e il Touring Club Italiano

Quest’anno Legambiente e il Touring Club Italiano hanno assegnato 45 Vele ad altrettante località balneari italiane. La Sardegna, con sei comprensori a Cinque Vele, la…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia