Lavoro: in Italia i Neet tra i 15 e i 24 anni sono il 19,9% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: in Italia i Neet tra i 15 e i 24 anni sono il 19,9%

Una percentuale decisamente superiore alla media registrata nell'Unione europea, pari all'11,5%
di Redazione

L’indagine 2017 sull’occupazione e gli sviluppi sociali in Europa della Commissione europea contiene diversi dati. Uno dei quali è tutt’altro che positivo per l’Italia: infatti il nostro è il Paese europeo con il più alto numero di Neet – acronimo inglese che sta per Not in Education, Employment or Training –, tra i 15 e i 24 anni.

In Italia, osserva Bruxelles, i Neet tra i 15 e i 24 anni sono il 19,9% contro una media europea decisamente più bassa (11,5%). La situazione non è facile anche per chi possiede un’occupazione: la Commissione europea sottolinea che, in Italia, nel 15% dei casi i giovani lavoratori hanno sottoscritto un contratto atipico, sono “considerevolmente più a rischio precarietà” e, se hanno meno di 30 anni, guadagnano in media meno del 60% di un lavoratore ultra-sessantenne.
I NEET hanno anche un costo economico, ovviamente: va infatti considerata sia la spesa pubblica provocata dall’inattività che le entrate che non avvengono a causa della mancata partecipazione al mercato del lavoro di questa fascia di popolazione.
Secondo i dati Eurofound forniti dall’Istituto Toniolo, i Neet costano all’Italia 36 miliardi di euro, pari al 2% del Prodotto interno lordo (PIL).
Inoltre un prolungato allontanamento dal mercato del lavoro e dal sistema formativo può comportare il rischio di una maggiore difficoltà di reinserimento.
Per quanto ancora considerevole, il numero dei giovani d’età compresa tra i 15 e i 29 anni, che non lavorano, non studiano e non frequentano corsi di formazione, è sceso nel corso dell’ultimo anno.
Stando ad un rapporto dell’Osservatorio statistico del consulenti del lavoro (Le dinamiche del lavoro nelle province italiane), nel 2016 i NEET erano 2,2 milioni di unità – divisi (quasi) equamente tra donne (1,1 milioni) e uomini (1 milione) –, in diminuzione rispetto al 2015 di 135mila unità (-5,7%). Il calo ha coinvolto tanto la componente femminile (-49 mila unità, pari a al 4% in meno) quanto quella maschile (-86 mila unità, pari a -7,6%).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Gelmini: «Da lunedì più di 11 regioni in zona gialla»

«Le regioni che dovrebbero passare in giallo da lunedì dovrebbero essere più di 11». A riferirlo è la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini,…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Es’givien x la Terra e il Made in Italy: il nuovo progetto by #ilfashionbelloebuono

Sostenibilità della moda o moda della sostenibilità? Dopo un anno di pandemia e anni di delocalizzazione di troppe produzioni etichettate Made in Italy, Es’givien lancia…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, l’Uefa ai club ritirati: “Passo indietro da ammirare, bentornate”

L’Uefa e in particolare Aleksander Ceferin, hanno accolto con grande soddisfazione il ritiro di sette club dalla Superlega: “Gli errori si possono commettere, importante è…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, si ritira anche l’Inter

Dopo la notizia del ritiro dei sei club inglesi, anche l’Inter ha annunciato il proprio ritiro dalla Superlega. “A queste condizioni non ci interessa”, fanno…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia