Bene il Pil, ma ancora incognite dal mercato del lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Bene il Pil, ma ancora incognite dal mercato del lavoro

Secondo l'UPB sommando alla forza lavoro potenziale (inattivi disponibili a lavorare), la disoccupazione e i sotto-occupati si arriva a un tasso di sotto-utilizzo del lavoro pari al 24,5% del bacino esteso di forze di lavoro
di Redazione

Nella sua ultima Nota sulla congiuntura, l’Ufficio Parlamentare di Bilancio (UPB) ha rivisto al rialzo le stime relative alla crescita del Pil italiano del 2017. Mentre nel Documento di economia e Finanza il governo prevedeva infatti un aumento dell’1,1%, le stime dell’UPB indicano un +1,3%, allineandosi alle recenti stime della Banca d’Italia. Nel resoconto però sottolinea anche che, nonostante i progressi, il mercato del lavoro presenta ancora qualche indicatore destabilizzante.

Nei primi cinque mesi del 2017, l’occupazione – si legge – è aumentata dell’1,1% rispetto allo stesso periodo del 2016. Una crescita legata maggiormente all’aumento delle assunzioni a tempo determinato che, con un +8,6%, superano nettamente la crescita di quelle con contratto a tempo indeterminato, cresciute nell’arco di tempo considerato di appena 0,7 punti percentuali.
Anche nell’ultimo resoconto dell’Istituto nazionale di previdenza sociale si conferma questa tendenza. Secondo l’INPS tra gennaio e maggio le assunzioni del solo settore privato sono state complessivamente 2.736.000, un numero in aumento del 16% rispetto al medesimo periodo di un anno fa, ma legato unicamente alla crescita di quelle a tempo determinato, aumentate del 23%, mentre quelle permanenti sono scese addirittura di 5,5 punti.
Non solo, lo stesso UPB nello studio si concentra poi su forma di precariato: la sottoccupazione che in Italia interessa circa 800 mila persone. Come spiega l’Ufficio, “sommando alla forza lavoro potenziale (inattivi disponibili a lavorare), la disoccupazione e i sotto-occupati si arriva, nel primo trimestre dell’anno, a un tasso di sotto-utilizzo del lavoro pari al 24,5 per cento del bacino esteso di forze di lavoro”.
Certo il problema della sottoccupazione non è un problema solo italiano. Secondo alcuni recenti dati dell’Eurostat, due occupati dell’Unione europea su dieci lavorano part-time e il 20,9% di essi (ovvero il 4,2% dell’occupazione complessiva europea) lo fa contro la sua volontà.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione, Coldiretti: su aumenti frutta e verdura pesa la siccità

La siccità con il taglio dei raccolti spinge l’inflazione nel carrello della spesa con aumenti che vanno dal +10,8% per la frutta al +11,8% della…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, scatta il rinnovo del programma “Roam-like-at-home” fino al 2032

Nell’Unione europea niente roaming a pagamento fino al 2032. Lo prevede il nuovo regolamento Ue che entra in vigore oggi, venerdì 1° luglio 2022, estendendo…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Oltre un giovane su due è preoccupato per il futuro»

Si dice «incerto» o «preoccupato» per il proprio futuro, il 52,7% degli adolescenti italiani tra i 13 e i 19 anni. Lo rivela l’indagine nazionale…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Stoltenberg: «A Kiev servono armi più pesanti, equipaggiamento più moderno»

All’Ucraina servono «più armi pesanti, equipaggiamento più moderno, che devono essere consegnati più velocemente». Lo ha detto il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, intervenendo nel corso di…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia