Ancora elevato il cuneo fiscale in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ancora elevato il cuneo fiscale in Italia

Secondo la Bce ridurre il peso fiscale sul lavoro favorirebbe la crescita dell'Eurozona
di Redazione

Tagliare le tasse sul lavoro per favorire la crescita economica dell’Eurozona. È questo l’ultimo monito lanciato dalla Banca centrale europea attraverso le anticipazioni dell’ultimo bollettino economico. Secondo la Bce, infatti, sarebbe opportuno spostare la tassazione sui consumi e sulle proprietà, cosa che porterebbe vantaggi anche in termini di equità.

Quello delle tasse sul lavoro è un argomento molto dibattuto perché va a impattare negativamente sia sull’imprenditoria, che con con un carico fiscale elevato si trova a fronteggiare costi molto spesso troppo elevati per ogni singolo lavoratore, sia per i dipendenti, per i quali il salario netto è di molto inferiore rispetto alla cifra lorda.
Secondo le ultime rilevazioni dell’Eurostat, alla fine del 2016 il costo orario del lavoro nell’Eurozona (ovvero la somma delle retribuzioni lorde e degli oneri sociali) è aumentato dell’1,6%, accelerando rispetto al +1,5% registrato un anno prima.
In Italia le rilevazioni hanno mostrato una variazione nulla, ma è anche vero che, se si considera solo il cuneo fiscale (ovvero l’insieme ti tasse dirette e indirette che pesano sul costo del lavoro totale, siamo al quinto posto dell’area Ocse, alle spalle solo di Belgio, Germania, Ungheria e Francia. Nel nostro Paese, infatti, l’incidenza delle tasse sul costo del lavoro è pari al 47,8%.
Eppure non mancherebbero i vantaggi legati ad una riduzione del carico fiscale sul lavoro. Secondo la Uil, per esempio, abbassare il cuneo fiscale di sei punti percentuali garantirebbe un risparmio di oltre 1.400 euro sui salti di 24 mila euro annui. Una riduzione che andando ad incidere positivamente sul costo sostenuto dalle imprese per i singoli lavoratori, potrebbe favorire nuove assunzioni.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Georgia, nuove proteste per arresto leader opposizione

Prosegue l’instabilità politica in Georgia. Migliaia di dimostranti anti-governativi sono scesi di nuovo in piazza oggi nella capitale Tbilisi per manifestare contro l’arresto del leader…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia