Se gli under 35 sostengono la crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Se gli under 35 sostengono la crescita

Dall'ultima analisi Unioncamere-Infocamere emerge che il numero delle aziende guidate da un giovane sale a 566.268 unità, pari al 9,3% del totale delle imprese italiane
di Redazione

L’imprenditoria giovanile rappresenta una porzione consistente – e spesso fondamentale – dell’intero tessuto imprenditoriale italiano. L’ultima analisi condotta da Unioncamere-Infocamere lo certifica ancora una volta, sottolineandone il contributo offerto all’aumento delle imprese registrato tra gennaio e giugno 2017.

Non è la prima volta che accade: già in passato altre indagini ne avevano certificato l’importanza. Un esempio: il saldo positivo tra iscrizioni e cessazioni registrato a livello nazionale nel 2016 tra le imprese (+41mila unità) è stato possibile proprio grazie al contributo offerto dai più giovani, con le realtà imprenditoriali under 35 nate lo scorso anno che sono state di più di quelle che nello stesso periodo hanno cessato la propria attività. Un trend ancora in corso: secondo l’ultima analisi sulla nati-mortalità condotta da Unioncamere-Infocamere, al 30 giugno 2017, le imprese giovanili italiane erano 36.956 unità in più rispetto alla fine del 2016 (+6,1%).
Il 30,4% delle aziende nate nel primo semestre è guidato da imprenditori con meno di 35 anni, il cui numero raggiunge così le 566.268 unità – il dato è relativo a quelle presenti nel Registro delle imprese delle Camere di Commercio –, pari al 9,3% del totale delle imprese italiane.
Una parte delle imprese under 35 si concentra nei comparti tradizionali – l’elenco comprende il commercio, le costruzioni e le attività dei servizi di alloggio e ristorazione –, anche se si registrano punte di maggior presenza nelle attività di lotterie, scommesse e case da gioco (dove un’impresa su quattro è under 35), i servizi postali e attività di corrieri (1 su 5) e i servizi per gli edifici e il paesaggio (pulizia e giardinaggio), dove il 15% del totale delle imprese è giovanile.
Il peso dell’imprenditoria giovanile è notevole anche sotto il profilo occupazionale: un’indagine della Camera di Commercio di Milano sostiene che in Italia un posto di lavoro su 20 è stato creato da un’impresa guidata da chi ha meno di 34 anni.
Il numero potrebbe essere cresciuto ulteriormente: l’analisi ha quantificato gli occupati nelle imprese giovanili, quando queste erano ‘solo’ 510 mila. Ovvero circa 56mila in meno rispetto a quella attualmente in attività.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Biden giovedì riceverà i leader di Svezia e Finlandia

«Il presidente americano Joe Biden riceverà giovedì alla Casa Bianca la premier svedese Magdalena Andersson e il presidente della Finlandia Sauli Niinisto». Lo lo ha reso…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confindustria: «La scuola ritorni al centro delle riforme»

«Facciamo un appello al Ministro Bianchi e al Premier Draghi perché la scuola possa tornare al centro delle riforme. Dobbiamo e vogliamo ascoltare i ragazzi». Lo…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Export in aumento del 22,9% su base annuale. Import +38,8%. Calano le vendite alla Russia»

«A marzo 2022 si stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le esportazioni (+1,7%) che per le importazioni…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Ad aprile inflazione rallenta dello 0,1% su base mensile. Su base annuale +6%»

«Nel mese di aprile 2022, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una diminuzione…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia