Export: così il contributo alla crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export: così il contributo alla crescita

Secondo il SACE, nel 2020 l'incidenza delle esportazioni sul PIL italiano toccherà il 30,4%
di Redazione

Quanto certificato dall’ISTAT – tra aprile e giugno le esportazioni italiane sono cresciute dello 0,6% rispetto al trimestre precedente – è un dato positivo. Proprio l’export dovrebbe garantire il contributo più importante alla crescita economica dell’Italia attesa per il 2017.
Secondo REF, quest’anno il Prodotto interno lordo italiano sarà trainato (principalmente) dall’export – “la crescita di quest’anno si basa sull’accelerazione delle esportazioni” –, a beneficiarne sarà l’attività industriale, con effetti altrettanto positivi sull’andamento degli investimenti (il PIL dovrebbe crescere dell’1,3%).

Gli analisti di REF osservano che le altre componenti saranno meno dinamiche. In particolare, i servizi che presentano minori margini di crescita considerando che le prospettive per i consumi delle famiglie italiane rimangono moderate.
Pur osservando che in questa fase la ripresa del PIL è comunque chiaramente di carattere export-led, REF ha osservato che non è scontato che questo possa bastare per riattivare tutti i settori dell’economia.
Il contributo dell’export alla crescita economica dell’Italia è destinato ad aumentare: secondo le stime del SACE – le previsioni sono contenute nel rapporto Export Unchained. Dove la crescita attende il Made in Italy dedicato alle esportazioni –, l’incidenza dell’export di beni e servizi sul Prodotto interno lordo arriverà a toccare il 32,4% nel 2020 dal 30,4% del 2016 (nel 2010 era al 25,8%).
Se confermate, le previsioni di REF rappresenterebbero un’inversione di tendenza rispetto al passato recente. Le esportazioni, fondamentali nel determinare la ripresa economica italiana tra il 2014 e il 2015, hanno subìto un calo – nell’ultima relazione per Paese relativa all’Italia, la Commissione europea parla di una diminuzione notevole –, a causa del “sensibile rallentamento” del commercio con i Paesi non appartenenti all’Unione europea.
Tra il 2016 e il 2020 le cose dovrebbero andare comunque bene, nonostante i tanti fattori di incertezza che caratterizzano il commercio mondiale: le esportazioni italiane dovrebbero crescere ad un tasso medio annuo del 4% contro l’1,7% del quadriennio precedente (dati SACE).

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Scholz: «Putin non deve vincere e sono convinto che non vincerà»

Il presidente russo Vladimir «Putin non deve vincere e sono convinto che non vincerà» in Ucraina. Così il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, intervenendo al World…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Draghi: «Siamo qui per fare quello che serve all’Italia»

«Condivido molto il titolo che avete scelto per il vostro congresso. “Esserci per cambiare”, una frase che racchiude il senso di questo governo». Lo ha…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Moody’s taglia le stime di crescita dell’economia mondiale per il 2022 e il 2023

Nel 2022 e nel 2023, l’economia mondiale crescerà meno del previsto. Lo sostiene l’agenzia di rating Moody’s, rivedendo al ribasso le stime di crescita delle…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

È morto l’ex presidente del Consiglio Ciriaco De Mita. Aveva 94 anni

È morto giovedì mattina nella casa di cura Villa dei Pini di Avellino Ciriaco De Mita, ex presidente del Consiglio e segretario della Democrazia Cristiana.…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia