Imprese straniere oltre quota 580mila unità | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese straniere oltre quota 580mila unità

A crescere è stata anche l'incidenza sul sistema imprenditoriale italiano, che non ha reagito allo stesso modo delle imprese straniere alla crisi economica
di Redazione

L’ultimo dato di Unioncamere – il numero delle imprese straniere presenti in Italia continua a crescere – ne certifica il dinamismo. Un’indagine di Intesa Sanpaolo ne rivela l’alta resilienza.

Pur andando meno forte del passato – i ritmi di crescita sono inferiori rispetto a quelli registrati negli anni scorsi –, le nuove imprese sono superiori a quelle che cessano la propria attività: il saldo tra aperture e chiusure tra le imprese guidate da stranieri è ancora positivo (nel secondo trimestre del 2017, ha sfiorato le 7mila unità).
Attualmente il sistema delle imprese straniere in Italia conta 580mila realtà. A crescere non è solo il numero, però: di recente, è aumentata anche l’incidenza sul tessuto imprenditoriale italiano, passata dal 7,2% del 2011 al 9,5% del 2011. Un dato che, osserva Unioncamere, è “indice di una popolazione immigrata sempre più attiva nello scenario economico del Paese”.
Attivi perlopiù in alcuni settori – in ordine crescente per numero di imprese attive, troviamo il commercio, le costruzioni, l’alloggio e ristorazione (dati Unioncamere) –, gli imprenditori stranieri stanno dimostrando una notevole capacità di reazione alle difficoltà della crisi economica.
Un dossier di Intesa Sanpaolo – lo studio analizza le performance di oltre 135 mila imprese del manifatturiero e di alcuni servizi più aperti al mercato dal 2011 al 2015 (alloggio e ristorazione, servizi, ICT, trasporti e logistica) – evidenzia che durante la crisi economica l’imprenditoria straniera ha assunto un ruolo e un peso relativo di importanza crescente, contrastando il ridimensionamento dei tassi di natalità delle imprese autoctone e ampliando e diversificando l’offerta di prodotti e servizi.
La riduzione complessiva delle imprese presenti (-0,9%) registrata tra il 2011 e il 2015 è stata mitigata dalla crescita delle imprese create dagli stranieri (+21,3%) che ha compensato il calo rilevato tra le quelle italiane (-2,9%)
Le imprese straniere hanno reagito meglio alla crisi, dunque. Gli indicatori lo certificano ampiamente, presentando valori superiori a quelli delle aziende italiane: +17,7% contro il +10,1% per quanto riguarda le vendite tra il 2012 e il 2015, +26,6% contro +14,2% in relazione all’occupazione e +37,0% contro +19,5% per quanto riguarda il totale attivo.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Biden giovedì riceverà i leader di Svezia e Finlandia

«Il presidente americano Joe Biden riceverà giovedì alla Casa Bianca la premier svedese Magdalena Andersson e il presidente della Finlandia Sauli Niinisto». Lo lo ha reso…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confindustria: «La scuola ritorni al centro delle riforme»

«Facciamo un appello al Ministro Bianchi e al Premier Draghi perché la scuola possa tornare al centro delle riforme. Dobbiamo e vogliamo ascoltare i ragazzi». Lo…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Export in aumento del 22,9% su base annuale. Import +38,8%. Calano le vendite alla Russia»

«A marzo 2022 si stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le esportazioni (+1,7%) che per le importazioni…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Ad aprile inflazione rallenta dello 0,1% su base mensile. Su base annuale +6%»

«Nel mese di aprile 2022, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una diminuzione…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia