Brexit: il Regno Unito a un anno dal referendum | T-Mag | il magazine di Tecnè

Brexit: il Regno Unito a un anno dal referendum

Con il Prodotto interno lordo e l'occupazione in crescita, l'economia britannica dimostra un grande dinamismo
di Redazione

Mentre i negoziati sulla Brexit proseguono – il 28 agosto, a Bruxelles, è previsto un nuovo incontro, il terzo dall’inizio delle trattative, tra i rappresentanti di Regno Unito e Unione europea – i dati macro-economici britannici sono molto interessanti.

I dati dell’ONS – l’Office for National statistics, l’ufficio statistico britannico – certificano il buono stato di salute dell’economia britannica: nel secondo trimestre del 2017, il Prodotto interno lordo (PIL) tanto su base trimestrale (+0,3%) quanto su quella annua (+1,7%).
Oltre che in linea con la stima preliminare e con le attese degli analisti, la performance è migliore rispetto a quella registrata ad inizio anno: nel primo trimestre la crescita su base trimestrale era stata leggermente inferiore (+0,2%).
Bene va anche sul fronte occupazionale. Le statistiche relative al mercato del lavoro rivelano che nel secondo trimestre 2017 il tasso di disoccupazione – ovvero il rapporto tra chi è alla ricerca di un impiego e la forza lavoro – è sceso fino a toccare il 4,4%, la percentuale più bassa da molti anni a questa parte – per trovarne una inferiore bisogna tornare indietro fino al 1975 –, mentre il tasso di occupazione ha raggiunto il 75,1%, un record dal 1971, anno in cui è iniziata la serie storica.
Tra aprile e giugno il numero dei disoccupati è sceso di 157mila unità, passando a 1,48 milioni.
L’economia cresce e crea nuova occupazione. Eppure le incognite relative alla Brexit restano: che tipo di accordi raggiungeranno Bruxelles e Londra? Vedremo (l’uscita dall’Unione europea dovrà concretizzarsi entro il marzo del 2019).
Nel frattempo, molti cittadini dell’UE hanno preferito lasciare il Regno Unito: nel periodo compreso tra aprile 2016 e marzo 2017 – il referendum sulla Brexit si è tenuto il 24 giugno dello scorso anno –, complessivamente sono stati in 33mila a farlo – anche in questo caso, i dati sono dell’ONS –, la maggior parte dei quali (circa 17mila) proveniva dai Paesi entrati nell’Unione nel 2004: Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Slovenia.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Scholz: «Putin non deve vincere e sono convinto che non vincerà»

Il presidente russo Vladimir «Putin non deve vincere e sono convinto che non vincerà» in Ucraina. Così il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, intervenendo al World…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Draghi: «Siamo qui per fare quello che serve all’Italia»

«Condivido molto il titolo che avete scelto per il vostro congresso. “Esserci per cambiare”, una frase che racchiude il senso di questo governo». Lo ha…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Moody’s taglia le stime di crescita dell’economia mondiale per il 2022 e il 2023

Nel 2022 e nel 2023, l’economia mondiale crescerà meno del previsto. Lo sostiene l’agenzia di rating Moody’s, rivedendo al ribasso le stime di crescita delle…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

È morto l’ex presidente del Consiglio Ciriaco De Mita. Aveva 94 anni

È morto giovedì mattina nella casa di cura Villa dei Pini di Avellino Ciriaco De Mita, ex presidente del Consiglio e segretario della Democrazia Cristiana.…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia