Brexit: il Regno Unito a un anno dal referendum | T-Mag | il magazine di Tecnè

Brexit: il Regno Unito a un anno dal referendum

Con il Prodotto interno lordo e l'occupazione in crescita, l'economia britannica dimostra un grande dinamismo
di Redazione

Mentre i negoziati sulla Brexit proseguono – il 28 agosto, a Bruxelles, è previsto un nuovo incontro, il terzo dall’inizio delle trattative, tra i rappresentanti di Regno Unito e Unione europea – i dati macro-economici britannici sono molto interessanti.

I dati dell’ONS – l’Office for National statistics, l’ufficio statistico britannico – certificano il buono stato di salute dell’economia britannica: nel secondo trimestre del 2017, il Prodotto interno lordo (PIL) tanto su base trimestrale (+0,3%) quanto su quella annua (+1,7%).
Oltre che in linea con la stima preliminare e con le attese degli analisti, la performance è migliore rispetto a quella registrata ad inizio anno: nel primo trimestre la crescita su base trimestrale era stata leggermente inferiore (+0,2%).
Bene va anche sul fronte occupazionale. Le statistiche relative al mercato del lavoro rivelano che nel secondo trimestre 2017 il tasso di disoccupazione – ovvero il rapporto tra chi è alla ricerca di un impiego e la forza lavoro – è sceso fino a toccare il 4,4%, la percentuale più bassa da molti anni a questa parte – per trovarne una inferiore bisogna tornare indietro fino al 1975 –, mentre il tasso di occupazione ha raggiunto il 75,1%, un record dal 1971, anno in cui è iniziata la serie storica.
Tra aprile e giugno il numero dei disoccupati è sceso di 157mila unità, passando a 1,48 milioni.
L’economia cresce e crea nuova occupazione. Eppure le incognite relative alla Brexit restano: che tipo di accordi raggiungeranno Bruxelles e Londra? Vedremo (l’uscita dall’Unione europea dovrà concretizzarsi entro il marzo del 2019).
Nel frattempo, molti cittadini dell’UE hanno preferito lasciare il Regno Unito: nel periodo compreso tra aprile 2016 e marzo 2017 – il referendum sulla Brexit si è tenuto il 24 giugno dello scorso anno –, complessivamente sono stati in 33mila a farlo – anche in questo caso, i dati sono dell’ONS –, la maggior parte dei quali (circa 17mila) proveniva dai Paesi entrati nell’Unione nel 2004: Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Slovacchia e Slovenia.

 

Scrivi una replica

News

Papa lascia Baghdad: “L’Iraq rimarrà sempre nel mio cuore”

<<L’Iraq rimarrà sempre nel mio cuore>>. Lo ha affermato il Papa di ritorno dal suo storico viaggio in Iraq, dove il Pontefice ha inviato a…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan, Blinken lancia una serie di iniziative per la pace

Antony Blinken, segretario di Stato americano, ha proposto una serie di iniziative per riavviare i negoziati di pace con il governo afgano e i talebani.…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Messico oltre 190mila vittime

Sono oltre 190mila le vittime causate dal coronavirus in Messico, dove si contano anche oltre 2,1 milioni di contagi.…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Brasile superata la soglia degli 11 milioni di contagiati

I casi di coronavirus in Brasile hanno superato gli 11 milioni. I morti invece, sono 265.411. Il Brasile è il terzo Paese al mondo per…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia