Imprese: i numeri delle startup in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: i numeri delle startup in Italia

Nel secondo trimestre si è registrato un aumento del numero delle startup del 7,5%. Pesa il calo degli investimenti: -12% rispetto alla prima metà del 2016
di Redazione

Sebbene, ad oggi, le startup innovative rappresentino solamente una piccola fetta dell’intero tessuto imprenditoriale italiano, il loro numero si presenta in costante aumento comportando, di conseguenza, un aumento dell’incidenza sul numero totale delle imprese. A confermarlo è il Registro delle Imprese. Preoccupa però un trend che sta interessando il nostro Paese: gli investimenti in startup, invece che aumentare, stanno diminuendo.

Startup Stock Photos

Ma andiamo con ordine. Partiamo innanzitutto spiegando che cosa si intende per startup. Come si legge sul Dizionario di Economia e Finanza della Treccani, con questo termine si indicano quelle imprese di piccole dimensioni nella fase iniziale della loro esistenza (secondo i requisiti necessari per essere considerata tale, una startup non deve nemmeno nascere da una fusione o da una cessione di un ramo di azienda) e “presentano un rischio più elevato rispetto a quelle già consolidate sul mercato, rischio che esalta sia le prospettive di guadagno sia la possibilità di perdite. Questo compagnie, in caso di successo, traggono il loro vantaggio dal fatto che, essendo state appena avviate, utilizzano generalmente una limitata quantità di risorse sia umane sia finanziarie”.
Al termine del secondo trimestre il Registro delle Imprese (di Unioncamere, Infocamere e Ministero dello Sviluppo Economico) ha censito 7.394 aziende di questo tipo, un numero in aumento di 514 unità rispetto al primo trimestre (+7,5%), per un incidenza sul totale delle società di capitale del Paese pari al 0,46%, contro lo 0,43% dei primi tre mesi dell’anno.
Nel 70,6% dei casi questa tipologia di imprese è attiva nel settore dei servizi alle imprese con picchi notevoli nei comparti della produzione di software (30,8%), in quello di Ricerca&Sviluppo (13,9%) e in quello delle attività dei servizi di informazione (8,9%). Altro settore in cui è possibile trovare numerose startup è quello industriale, con il 19,6% del totale. Segue il commercio con il 4%.
Anche dal punto di vista occupazionale offrono dati incoraggianti: rispetto alla fine del 2016 il numero degli occupati nelle startup è aumentato dell’8% (+696 unità), arrivando a toccare nel complesso i 9.365 addetti. Di conseguenza risulta in aumento anche il numero medio di addetti per start-up: 3,6 contro i 3,25 di dicembre.
Veniamo però al dato preoccupante. Secondo il sito StartupItalia (Magazine dell’innovazione e delle startup italiane) nel primo semestre del 2017 gli investimenti in startup sono stati pari a 75,3 milioni di euro, contro i 86,2 milioni di euro di un anno fa, riflettendo un calo del 12%. Si registra dunque una brusca frenata rispetto agli anni precedenti. Secondo l’Osservatorio Startup Hi-tech – promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con Italia Startup – nel 2016 gli investimenti totali hanno raggiunto la cifra di 217 milioni di euro.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Usa: meno di 40 mila casi in 24 ore

Gli Stati Uniti hanno registrato meno di 40mila casi nelle ultime 24 ore, stando al consueto bollettino della Johns Hopkins University, un dato che non…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, ucciso magistrato che indagava su morte Attanasio

È stato ucciso in Congo il magistrato militare che indagava sull’agguato in cui sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, netto calo dei casi in Gran Bretagna

Continuano a calare notevolmente i casi di coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore su 863mila tamponi effettuati, solo 6.500 sono risultati positivi.…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nuova Zelanda, terremoto di magnitudo 8.1 al largo: allarme tsunami rientrato

Dopo le tre scosse di magnitudo 6.9, 7.1, 8.1, a largo della Nuova Zelenda, si era alzata l’allerta di tsunami, ma l’allarme è rientrato dopo…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia