Imprese: così sta proseguendo la ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: così sta proseguendo la ripresa

Gli ultimi dati mostrano un andamento più positivo, cresce la fiducia e diminuiscono i fallimenti
di Redazione

La fiducia che sale nel mese di agosto, sia tra i consumatori che tra le imprese, rappresenta la conferma degli incoraggianti segnali di consolidamento della risalita economica emersi nelle scorse settimane. In particolare, riferisce l’Istat, con l’indicatore che dal precedente 105,6 passa a 107, le imprese tornano sui valori medi del 2007.

Ma l’Istat spiega anche che i diversi settori economici mostrano segnali eterogenei: in aumento nel manifatturiero e nei servizi, il clima di fiducia cala invece nelle costruzioni (il settore che più ha sofferto gli effetti della crisi e ancora oggi appare in affanno) e nel commercio al dettaglio.
Il settore manifatturiero è tra i settori maggiormente in salute in questa fase di risalita economica. Nell’ultimo rapporto dell’ufficio studi di Mediobanca – un’analisi che ha passato in rassegna le imprese manifatturiere con oltre 20 addetti che rappresentano il 50% del fatturato manifatturiero italiano – viene sottolineato come nel 2016 il fatturato delle realtà manifatturiere sia cresciuto per il terzo anno consecutivo (+1,9%), mentre nei servizi, ad esempio, le cose non sono andate altrettanto bene.
In generale, che le imprese italiane stiano meglio rispetto a qualche tempo fa, è stato confermato anche dai recenti dati di Cribis, società del Gruppo Crif, secondo cui i fallimenti risultano in calo nel secondo trimestre del 2017, sebbene i livelli pre-crisi risultino ancora lontani.
Un trend al miglioramento, insomma, che sta riguardando anche le nuove imprese: proprio l’Istat nella sua demografia d’impresa osserva che dopo la ripresa di quell’anno la capacità di sopravvivenza delle nuove imprese è in crescita pure nel 2015. Tra quelle nate nel 2014, alla fine del 2015 l’80% è ancora in attività (+3,2% sul 2014). L’aumento della sopravvivenza riguarda tutti i macro-settori, ma è superiore alla media nazionale solo negli Altri servizi (+3,7%).
Anche i cambiamenti del tessuto produttivo potrebbero in qualche modo influire sulla tenuta delle imprese: nel comparto dell’Industria, ad esempio, i tassi di natalità e di mortalità sono inversamente correlati al livello di intensità tecnologica dei settori. Nel 2015 i settori a bassa tecnologia (LOT), rileva sempre l’Istat, hanno presentato tassi di natalità e mortalità al di sopra della media del comparto (rispettivamente 5,5 e 6,9%). Viceversa con il 3,3% di natalità e il 4,5% di mortalità quelli ad alta tecnologia si attestano al di sotto della media.

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia