Lavoro: i posti vacanti potrebbero aumentare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: i posti vacanti potrebbero aumentare

Spesso le imprese non riescono a trovare i candidati in possesso delle giuste competenze, questo causa l'incremento dei posti vacanti
di Redazione

Le ultime rilevazioni ISTAT sul mercato del lavoro certificano che il numero degli occupati non è mai stato così alto dal 2008. Tuttavia tanti sono i posti che rischiano di rimanere vacanti: le imprese, che intendono assumere nuovi dipendenti nei prossimi mesi, devono fare i conti con la difficoltà a trovare la manodopera necessaria.

Le opportunità lavorative ci sono – ad esempio, Confartigianato stima che tra luglio e settembre le imprese prevedono 117.560 assunzioni con titoli di studio legati all’innovazione tecnologica (ingegneri elettronici, industriali, diplomati in meccanica, meccatronica…) –, a mancare spesso sono le competenze necessarie per essere assunti (particolarmente difficile sarà reperire operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche, i tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione).
A volte, le imprese non riescono a trovare ciò che cercano: un’analisi del sistema informativo Excelsior, realizzata da Unioncamere in accordo con l’ANPAL, sulle previsioni di assunzione delle imprese private dell’industria e dei servizi, stima che tra luglio e settembre 2017 una ricerca di personale su cinque rischia di concludersi senza successo. Il motivo: la mancanza di profili adeguati. Tra luglio e settembre, circa 200 mila posti di lavoro potrebbero restare vacanti, pari al 20,6% delle 969mila entrate previste.
Il tasso di posti vacanti potrebbe continuare a crescere, dopo l’incremento registrato nel secondo trimestre (+0,1% su base trimestrale).
Ma cosa è il tasso di posti vacanti? L’ISTAT spiega che è il rapporto percentuale fra numero di posti vacanti e somma di posti vacanti e posizioni lavorative occupate. Praticamente i posti vacanti misurano le ricerche di personale che alla data di riferimento – ovvero l’ultimo giorno del trimestre – sono già iniziate e non ancora concluse.
Nonostante alcune difficoltà, le imprese sono riuscite comunque a creare nuovi posti di lavoro. Confartigianato sottolinea che particolarmente rilevante è stato il contributo offerto dalle realtà di piccole dimensioni: al primo trimestre 2017, le piccole imprese hanno fatto registrare un incremento di 157.160 posti di lavoro, pari al 77,3% dei nuovi occupati nel totale delle imprese.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Biden giovedì riceverà i leader di Svezia e Finlandia

«Il presidente americano Joe Biden riceverà giovedì alla Casa Bianca la premier svedese Magdalena Andersson e il presidente della Finlandia Sauli Niinisto». Lo lo ha reso…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confindustria: «La scuola ritorni al centro delle riforme»

«Facciamo un appello al Ministro Bianchi e al Premier Draghi perché la scuola possa tornare al centro delle riforme. Dobbiamo e vogliamo ascoltare i ragazzi». Lo…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Export in aumento del 22,9% su base annuale. Import +38,8%. Calano le vendite alla Russia»

«A marzo 2022 si stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le esportazioni (+1,7%) che per le importazioni…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Ad aprile inflazione rallenta dello 0,1% su base mensile. Su base annuale +6%»

«Nel mese di aprile 2022, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una diminuzione…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia