La ripresa si consolida, ma non mancano le criticità | T-Mag | il magazine di Tecnè

La ripresa si consolida, ma non mancano le criticità

Secondo le stime a fine 2017 i consumi potrebbero riportare una crescita dell'1,2%. Preoccupano i salari reali
di Redazione

Quello che emerge osservando i vari indicatori economici italiani è che la ripresa si sta mano a mano consolidando. Tuttavia la crisi ha lasciato strascichi non indifferenti, solo adesso stiamo assistendo ad un lento recupero dell’occupazione e di certo non mancano le criticità che ancora emergono nell’ultimo Rapporto Coop 2017, in cui si mette soprattutto in evidenza il dato relativo alla povertà e all’esclusione sociale: a tutt’oggi rischia di trovarsi in questa situazione un italiano su quattro, il 28,7% delle famiglie.

Qualche difficoltà, quindi, ancora rimane e a dimostrarlo sono anche le flessioni rilevate ogni tanto dall’Istat per alcuni indicatori. L’ultima in ordine cronologico è, per esempio, quella delle vendite al dettaglio, diminuite a luglio rispetto al mese precedente e immutate rispetto ad un anno fa.
Al di là delle sporadiche debaclé, dal Rapporto Coop emerge però un cauto ottimismo. Del resto le stime di crescita del Pil per l’anno in corso sono state riviste al rialzo al +1,5% e al +1,2% per il 2018, mentre per i consumi Coop stima un +1,2%, continuando il trend positivo osservato fino ad oggi, a patto – avverte – “però di una diminuzione del tasso di risparmio e del nuovo incremento dei prestiti”.
Secondo le stime contenute nell’analisi – effettuate elaborando dati dell’Istat e previsioni di Ref Ricerche – il nodo da sciogliere rimane quello dei salari, perché se è vero che per l’anno in corso e per il prossimo si prevede un +0,8%, per i salari reali le stime indicano un -0,6% per il 2017 ed un -0,3% per il 2018, riflettendo la crescita dell’inflazione totale (+1,4% nel 2017 e +1,1% nel 2018) e di quella di fondo (+0,8% e +1%).
Andamenti positivi sono previsti anche per gli altri indicatori economici: il Pil, come già detto dovrebbe crescere dell’1,5% nel 2017 e dell’1,2% nel 2018, i consumi dell’1,2% e dell’1%, gli investimenti fissi lordi del 2,2% e del 2,6%, le esportazioni del 5,2% e del 4,2%. Incoraggianti anche le stime sul mercato del lavoro: il tasso di disoccupazione dovrebbe attestarsi all’11,4% quest’anno e al 10,8% alla fine dei prossimi dodici mesi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms: esperti internazionali presto in Cina

Il capo delle emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità, Mike Ryan, ha fatto sapere che gli esperti internazionali torneranno in Cina «il prima possibile» per continuare…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi

Violenza sulle donne, da gennaio a ottobre in Italia ci sono stati 91 femminicidi. A riferirlo è un rapporto dell’Eures, sottolineando che, nello stesso periodo…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gualtieri: «Rinvio tasso per tutte le imprese con perdite»

«Il governo si appresta a varare grazie allo scostamento da 8 miliardi nuove misure a partire dal rinvio delle nuove scadenze tributarie per i settori…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «La ripresa nel 2021 sarà più lenta del previsto»

«La ripresa nel 2021 sarà verosimilmente più lenta del previsto. Nel quarto trimestre 2020, è plausibile una flessione del Pil anche se più contenuta rispetto…

24 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia