Istat: “Pil del 2016 confermato al +0,9%, ma peggiora il deficit” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Pil del 2016 confermato al +0,9%, ma peggiora il deficit”

“I dati qui presentati incorporano la revisione dei conti nazionali relativa al biennio 2015-2016, effettuata per tenere conto delle informazioni acquisite dall’Istat successivamente alla stima pubblicata a marzo. In particolare le stime dell’anno 2015 incorporano i dati definitivi del conti economici delle imprese e quelli completi relativi a occupazione regolare e non regolare.
Nel 2016 il Pil ai prezzi di mercato risulta pari a 1.680.523 milioni di euro correnti, con una revisione al rialzo di 8.085 milioni rispetto alla stima precedente. Per il 2015 il livello del Pil risulta rivisto verso l’alto di 6.714 milioni di euro.
Nel 2016 l’incremento del Pil in volume è pari a 0,9%, con un risultato invariato rispetto alla stima preliminare di marzo.
Sulla base dei nuovi dati, il Pil in volume è cresciuto nel 2015 dell’1,0%, con una revisione al rialzo di 0,2 punti percentuali rispetto alla stima di marzo (+0,8%).
Nel 2016 gli investimenti fissi lordi sono cresciuti in volume del 2,8%, i consumi finali nazionali dell’1,3%, le esportazioni di beni e servizi del 2,4% e le importazioni del 3,1%.
Il valore aggiunto, a prezzi costanti, è aumentato dell’1,7% nell’industria in senso stretto e dello 0,6% nel settore dei servizi. Si sono registrati cali nel settore delle costruzioni (-0,3%) e nell’agricoltura, silvicoltura e pesca (-0,2%).
Per l’insieme delle società non finanziarie, la quota di profitto è pari al 42,2% e il tasso di investimento al 20,2%.
Il reddito disponibile delle famiglie consumatrici ha segnato una crescita dell’1,6% sia in valore nominale, sia in termini di potere d’acquisto. Poiché i consumi privati sono aumentati dell’1,5%, la propensione al risparmio delle famiglie è aumentata all’8,6% dall’8,4% del 2015.
L’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è pari nel 2016 a -2,5% con una revisione in peggioramento di un decimo di punto percentuale rispetto alla stima precedente.
Il saldo primario (indebitamento netto meno la spesa per interessi) è pari all’1,5% del Pil”. Lo ha riportato l’Istat in un comunicato sul proprio sito.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms-Ecdc: «Variante Delta dominante in gran parte dell’Europa»

La variante Delta della Sars-CoV-2 «si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa ed è ora diventata il ceppo dominante in gran parte della regione». Lo sostengono…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, l’indice Rt sopra quota 1 per la prima volta dal 26 marzo

In Italia, l’indice Rt si è attestato a 1,26, in crescita rispetto allo 0,91 della scorsa settimana. È quanto emerge dalla cabina di regia per…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 192,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 192.735.392. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Xi Jinping in Tibet promette «una nuova era»

«Una nuova era» e «un nuovo capitolo di stabilità duratura e di sviluppo di alta qualità per la regione»: è quanto ha voluto assicurare il…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia