Lavoro: le cose non migliorano per gli autonomi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: le cose non migliorano per gli autonomi

Secondo l'ISTAT, ad agosto il numero degli indipendenti con un impiego risulta in calo sia rispetto al mese precedente che allo scorso anno
di Redazione

Gli ultimi dati dell’ISTAT sul mercato del lavoro – ad agosto 2017 la stima degli occupati continua a crescere tanto su base annua (+1,6%) quanto su quella mensile (+0,2%) – confermano la tendenza positiva già registrata recentemente. Non va altrettanto bene ai lavoratori indipendenti, però.

Con l’incremento di agosto (+36 mila unità rispetto a luglio), il tasso di occupazione – ovvero il rapporto tra gli occupati e la corrispondente popolazione di riferimento – raggiunge il 58,2% (+0,1%).
L’ISTAT osserva che l’incremento congiunturale dell’occupazione interessa tutte le classi di età – l’unica eccezione? la fascia d’età tra i 35 e i 49 anni (-37mila unità) – ed è dovuta “interamente” alla componente femminile. Tra gli uomini, invece, si registra un calo. Non accadeva da due mesi.
Ad agosto, il tasso di occupazione femminile raggiunge il 48,9% (+0,2%) mentre quello degli uomini rimane invariato al 67,5%.
Ci sono comunque dei dati negativi. Quelli che riguardano i lavoratori indipendenti: ad agosto 2017 l’occupazione tra gli autonomi risulta in calo sia su base mensile (-0,4%, -23mila) che su quella annua (-0,8%, -42mila).
Le difficoltà dei lavoratori autonomi non fanno trascurate: nonostante l’emorragia occupazionale che li ha coinvolti – gli anni della crisi economica sono stati difficili per chiunque, ma in special modo per gli indipendenti –, gli autonomi rappresentano una porzione consistente del mercato del lavoro italiano: l’Eurostat rileva infatti che l’Italia è il Paese che i lavoratori autonomi sono il 21% degli occupati. La seconda percentuale più alta nell’Unione europea.
A cosa dobbiamo questa differenza? Uno studio della CNA ha provato a dare una risposta in merito. Il diverso peso del lavoro indipendente in Italia rispetto alle principali economie europee sarebbe dovuto al fatto che quest’ultime sono caratterizzate da apparati produttivi in grado di assorbire quote considerevoli di occupazione dipendente – giovanile, in special modo –, perché caratterizzati da una maggiore presenza di imprese di medie e grandi dimensioni. Infine, va anche considerato che molti lavoratori sono classificati come autonomi, pur essendo nella sostanza dei subordinati.

 

Scrivi una replica

News

Istat: “Nel III trimestre 2020 numero di abitazioni dei nuovi fabbricati in calo del 4% in un anno”

Nel terzo trimestre 2020, nel comparto residenziale, si stima una forte crescita congiunturale: +32,8% per il numero di abitazioni e +26,0% per la superficie utile.…

20 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 102 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 102 punti.…

20 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 64,08 dollari al barile e Brent a 67,90 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 64,08 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 67,90 dollari.…

20 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, Johnson e Macron contro i 12 club

Il premier britannico, Boris Johnson e il presidente francese, Emmanuel Macron, hanno inviato i club fondatori a fermarsi e ripensare alla creazione della Superliga, perchè…

19 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia