Accelera la ripresa di Stati Uniti ed Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Accelera la ripresa di Stati Uniti ed Eurozona

In entrambi i casi un contributo positivo è giunto da consumi e investimenti. Rimangono le incertezze legate al commercio mondiale (-0,4% per i flussi a luglio)
di Redazione

Sia negli Stati Uniti che nell’Eurozona la crescita del Pil ha registrato un accelerazione nel secondo trimestre rispetto al periodo precedente, riflettendo in entrambe le aree il buon andamento che ha interessato sia la spesa per consumi delle famiglie che gli investimenti (anche se negli Stati Uniti gli investimenti residenziali hanno fornito un contributo negativo).

Secondo quanto riportato dall’Istat nell’ultima nota mensile, l’economia degli Stati Uniti ha registrato una crescita dello 0,8% nel secondo trimestre, contro il +0,3% registrato nei primi mesi dell’anno, mentre l’area Euro nello stesso periodo ha riportato un +0,6% rispetto al +0,5% del trimestre precedente.
Il risultato che ha interessato l’Eurozona è legato in particolar modo alle espansioni che hanno interessato Olanda e Spagna, dove il Pil nel periodo considerato è aumentato rispettivamente dell’1,5% e dello 0,9%. Bene anche l’economia tedesca, dove si registra un progresso dello 0,6%. Particolarmente positivo l’andamento degli investimenti fissi lordi che, mentre nei primi tre mesi del 2017 erano diminuiti dello 0,3%, alla fine del secondo trimestre hanno registrato una forte accelerazione, crescendo dello 0,9%. In generale gli investimenti dell’Eurozona sono aumentati dello 0,3% rispetto al periodo precedente, mentre i consumi delle famiglie hanno riportato un +0,2%.
Per quanto riguarda il mercato del lavoro, l’Istat parla di un significativo miglioramento, con il tasso di disoccupazione stabile sul mese precedente, ma in calo rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Ciò nonostante il dato è rimasto stabile rispetto al trimestre precedente, attestandosi al 9,1%. Negli Stati Uniti, invece, il settore non agricolo ha registrato un aumento degli occupati di circa 156 mila unità al termine del mese di agosto.
In entrambe le aree rimangono le incertezze riguardo il commercio mondiale. Secondo il Central Plan Bureau il lieve aumento degli scambi in volume delle economie avanzate, pari al +0,1% a luglio, non è riuscito a contrastare la diminuzione dell’1% che ha interessato i flussi delle economie emergenti, generando un calo degli scambi mondiali dello 0,4% rispetto al mese precedente.

 

Scrivi una replica

News

Referendum per il taglio dei parlamentari, il Viminale: «Ha votato il 53,84% degli aventi diritto»

Il ministero dell’Interno il dato definitivo sull’affluenza per il referendum sul taglio per i parlamentari. Ha votato il 53,84% degli aventi diritto. In quanto confermativo…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Referendum taglio parlamentari, Di Maio: «Raggiunto un risultato storico»

«Quello raggiunto oggi è un risultato storico». Lo ha scritto su Facebook il ministro degli Esteri ed ex capo politico del Movimento 5 stelle, Luigi…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, chi arriva in Italia da Parigi dovrà sottoporsi al tampone

Chi arriva in Italia da Parigi e da «altre aree della Francia con significativa circolazione del virus» deve sottoporsi al tampone. Lo ha stabilito un’ordinanza…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Unimpresa: «Dal 2010 ad oggi i prestiti alle imprese sono crollati di oltre 186 miliardi di euro»

Negli ultimi dieci anni, i prestiti delle banche italiane alle imprese sono diminuiti di oltre 186 miliardi di euro, passando dagli 856 miliardi di luglio 2010 ai 669…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia