Il “peso” dell’economia non osservata | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il “peso” dell’economia non osservata

Un valore di circa 208 miliardi di euro, pari al 12,6% del Pil, nel 2015. Le unità di lavoro irregolari sono 3 milioni 724 mila
di Redazione

Quanto vale l’economia non osservata, quella cioè che comprende sommerso economico e attività illegali? Nel 2015, riferisce l’Istat, il “peso” ammonta a circa 208 miliardi di euro, pari al 12,6% del Pil. Il valore aggiunto generato dall’economia sommersa è poco più di 190 miliardi di euro, quello connesso alle attività illegali (incluso l’indotto) a circa 17 miliardi di euro.

Insomma, un miglioramento c’è stato rispetto al passato. L’incidenza resta ancora molto alta – un freno, comunque, alla crescita e allo sviluppo -, ma se nel triennio 2012-2014 si era registrata un tendenza all’aumento (passando dal 12,7% al 13,1% del Pil), nel 2015 se non altro si assiste ad una diminuzione, scendendo di 0,5 punti percentuali rispetto all’anno precedente. “La composizione dell’economia non osservata si è modificata in maniera significativa”, spiega l’Istat. Nel 2015 la componente relativa alla sotto-dichiarazione pesa per il 44,9% del valore aggiunto (circa 2 punti percentuali in meno rispetto al 2014). La restante parte è attribuibile per il 37,3% all’impiego di lavoro irregolare (35,6% nel 2014), per il 9,6% alle altre componenti (fitti in nero, mance e integrazione domanda-offerta) e per l’8,2% alle attività illegali (rispettivamente 8,6% e 8% l’anno precedente).

I comparti dove l’incidenza dell’economia sommersa è più elevata sono le Altre attività dei servizi (33,1% nel 2015), il Commercio, trasporti, alloggio e ristorazione (24,6%) e le Costruzioni (23,1%). Il peso della sottodichiarazione sul complesso del valore aggiunto è maggiore nei Servizi professionali (16,2% nel 2015), nel Commercio, trasporti, alloggio e ristorazione (12,8%) e nelle Costruzioni (12,3%). All’interno dell’industria, l’incidenza risulta relativamente elevata nel comparto della Produzione di beni alimentari e di consumo (7,7%) e contenuta in quello della Produzione di beni di investimento (2,3%). La componente di valore aggiunto generata dall’impiego di lavoro irregolare è più rilevante nel settore degli Altri servizi alle persone (23,6% nel 2015), dove è principalmente connessa al lavoro domestico, e nell’Agricoltura, silvicoltura e pesca (15,5%).

Sempre nel 2015 le unità di lavoro irregolari sono 3 milioni 724 mila, in prevalenza dipendenti (2 milioni 651 mila), in aumento sull’anno precedente (rispettivamente +57 mila e +56 mila unità). Il tasso di irregolarità, calcolato come incidenza delle unità di lavoro (ULA) non regolari sul totale, è pari al 15,9% (+0,2 punti percentuali rispetto al 2014). Il tasso di irregolarità dell’occupazione è particolarmente elevato nel settore dei Servizi alle persone (47,6% nel 2015, 0,2 punti percentuali in più del 2014) ma risulta molto significativo anche nei settori dell’Agricoltura (17,9%), delle Costruzioni (16,9%) e del Commercio, trasporti, alloggio e ristorazione (16,7%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Recovery Fund, Di Maio: «È un treno che non ripasserà più»

Il Recovery Fund «è un treno che non ripasserà più». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervenendo in occasione di un’audizione…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bielorussia, Lukashenko ha giurato come presidente

Alexander Lukashenko ha giurato come presidente della Bielorussia, prendendo la guida del Paese per la sesta volta. Lo hanno annunciato i media governativi, al termine…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, i contagi hanno raggiunto i 31,6 milioni a livello mondiale

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 31.630912 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Navalny è stato dimesso dall’ospedale Charité

Alexei Navalny – uno dei principali esponenti dell’opposizione russa – è stato dimesso dall’ospedale Charité di Berlino, dove era ricoverato per un avvelenamento. Lo ha…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia