Catalogna: Madrid applicherà l’articolo 155 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Catalogna: Madrid applicherà l’articolo 155

Il governo spagnolo vuole sospendere l'autonomia catalana “per ripristinare la legalità”
di Mirko Spadoni

La domanda posta da Madrid – l’indipendenza della Catalogna è stata dichiarata o meno? – non ha avuto ancora una risposta. Anche questa volta il presidente catalano, Carles Puigdemont, non è stato chiaro.

“Se il governo continuerà a bloccare il dialogo e continuerà con la repressione, il parlamento catalano potrebbe procedere, se lo riterrà opportuno, a votare una dichiarazione formale di indipendenza”, ha scritto in una lettera inviata al premier spagnolo, Mariano Rajoy, e diffusa dieci minuti prima della scadenza dell’ultimatum, fissato alle 10 di oggi, giovedì 19 ottobre.

È la seconda volta da lunedì che Madrid chiede a Puigdemont di spiegare se, con il discorso del 10 ottobre al Parlamento catalano, è stata proclamata l’indipendenza della Catalogna.

E adesso? Adesso il governo spagnolo procederà all’attivazione dell’articolo 155 della costituzione, che permette di sospendere l’autonomia della Catalogna, in quanto sostiene che Puigdemont “non abbia risposto”.

Il portavoce dell’esecutivo, Inigo Mendez de Vigo, ha annunciato le varie tappe del processo: il Consiglio dei ministri spagnolo si riunirà sabato per attivarlo, il Senato dovrà poi procedere all’approvazione.

Non dovrebbero esserci intoppi: in Senato, il Partito popolare del primo ministro Rajoy possiede la maggioranza assoluta – ovvero quella necessaria per approvare il ricorso all’articolo 155 –, con 149 senatori su 266. Mentre il leader di Ciudadanos, Albert Rivera, ha già annunciato che il suo partito sosterrà l’azione del governo “qualunque cosa faccia” per difendere la Costituzione.

Cosa prevede l’articolo 155? Consente al governo “di prendere le misure necessarie per obbligare la comunità autonoma all’adempimento forzato” della legge e dell’interesse nazionale, senza però specificare quali potrebbero essere queste misure.

Nel frattempo Amnesty International ha chiesto la liberazione “immediata” dei due leader indipendentisti catalani, Jordi Cuixart e Jordi Sànchez, arrestati lunedì con l’accusa di sedizione. L’arresto è una misura è “sproporzionata” e l’incriminazione per sedizione “eccessiva”, sostiene Amnesty.

Leggi anche:
Catalogna: quando il calcio è separatista
Catalogna: il giorno dopo il referendum
Catalogna: il punto sul referendum
Gli ultimi sviluppi dalla Catalogna
Le conseguenze dell’indipendentismo catalano
Come sta evolvendo la situazione in Catalogna
Come sta evolvendo la situazione in Catalogna/2
Come sta evolvendo la situazione in Catalogna/3

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, record settimanale di casi: due milioni di contagi dal 14 al 20 settembre

Nella settimana dal 14 al 20 settembre 2020, sono stati registrati due milioni di contagi da coronavirus (+2% rispetto alla settimana precedente), un numero record…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel 2019 il Pil è cresciuto dello 0,3%»

«Nel 2019 il tasso di crescita del Pil in volume è pari a 0,3%, con una revisione nulla rispetto alla stima di marzo». Lo ha…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi registrati sono oltre 31,3 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 31.343.430 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Referendum per il taglio dei parlamentari, il Viminale: «Ha votato il 53,84% degli aventi diritto»

Il ministero dell’Interno il dato definitivo sull’affluenza per il referendum sul taglio per i parlamentari. Ha votato il 53,84% degli aventi diritto. In quanto confermativo…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia