Lo smog fa più danni delle guerre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lo smog fa più danni delle guerre

Sono quasi nove milioni l'anno i morti a causa dell'inquinamento, secondo i dati pubblicati da Lancet
di Redazione

Non tutti ritengono che l’allarme smog a Torino sia giustificato nei termini presentati nelle ultime ore, per quanto un problema – di fatto – sia stato riscontrato (la concentrazione di Pm10 è cresciuta a 114 microgrammi al metro cubo, cioè oltre il doppio del limite che è fissato a 50, e al Nord sono più di 25 le città che hanno superato la quota consentita). È da mercoledì, infatti, che nel capoluogo piemontese è stato bloccato a oltranza il traffico ai diesel fino all’euro 4, ed è molto probabile che il blocco verrà a breve esteso alle altre categorie di veicoli, compresi quelli più evoluti. C’è una questione, però, che resta fondamentale al netto delle consuete polemiche e degli accordi sul clima che coinvolgono un numero elevato di paesi al mondo (si pensi agli ultimi di Parigi, distinguo statunitensi a parte): di inquinamento si muore e la faccenda non può più essere sottovalutata.

Per l’esattezza l’inquinamento provoca quasi nove milioni di morti l’anno stando ai dati pubblicati da Lancet (numeri relativi al 2015, basati sull’indagine della Commission on Pollution and Health, progetto che ha coinvolto oltre 40 autori). A provocare i maggiori disagi è proprio l’inquinamento atmosferico (dunque smog, particolato nell’aria e inquinamento da uso domestico di combustibili fossili), che causa – da “solo” – sei milioni e mezzo di morti l’anno (per malattie cardiovascolari e respiratorie connesse o derivanti dalla pessima qualità dell’aria). Dopodiché sono l’inquinamento idrico (1,8 milioni di decessi annui dovuti a infezioni gastrointestinali, parassiti, diarrea), le condizioni dell’ambiente di lavoro, laddove si può entrare in contatto con tossine o sostanze chimiche nocive (0,8 milioni di morti l’anno).

La maggior parte dei decessi avviene nel Sud del mondo anche a causa dell’industrializzazione, rapida e spesso noncurante dell’impatto ambientale. In India, per rendere l’idea, si contano 2,5 milioni di morti in un anno; in Cina 1,8 milioni. Lo sviluppo industriale, infatti, causando inquinamento atmosferico, chimico e del suolo oggi fa più vittime di quante se ne siano registrate in passato: dalle 4,3 milioni del 1990 si arriva alle 5,5 milioni del 2015. In altre parole, l’inquinamento provoca decessi in una quantità che è 15 volte superiore a quella delle guerre o delle altre forme di violenza.

 

Scrivi una replica

News

Superlega, Johnson e Macron contro i 12 club

Il premier britannico, Boris Johnson e il presidente francese, Emmanuel Macron, hanno inviato i club fondatori a fermarsi e ripensare alla creazione della Superliga, perchè…

19 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: “Giornalismo contribuisce alla rinascita del Paese”

“Il giornalismo è interrogato da questa prospettiva di rinascita civile, sociale, economica, per potervi contribuire, accompagnandola. Le democrazie hanno bisogno di un giornalismo vivo, libero,…

19 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Deloitte: “In Italia la Pubblica amministrazione ha un efficienza minore rispetto alla media dei Paesi Ue”

Da quanto emerge da una analisi di Deloitte sulla semplificazione amministrativa e le iniziative per migliorare il rapporto tra Pa e imprese, in Italia si…

19 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, riapre bolla tra Australia e Nuova Zelanda

Riapre la bolla tra Australia e Nuova Zelanda, con i primi voli che sono partiti questa mattina e permetterà ai residenti di spostarsi senza doversi…

19 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia