Ancora in calo i prestiti al settore privato | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ancora in calo i prestiti al settore privato

Secondo Unimpresa, le nuove regole della Bce sugli NPL potrebbero restringere ulteriormente le condizioni di accesso al credito da parte delle imprese
di Redazione

Secondo il vicepresidente di Unimpresa le nuove regole della Banca centrale europea sulle sofferenze potrebbero rendere vani i già pochi risultati messi a segno nell’ultimo periodo sul fronte del credit crunch. «C’è il rischio – ha detto Claudio Pucci – che si verifichi un’ulteriore restrizione delle condizioni di accesso alla liquidità da parte delle micro, piccole e medie imprese».

In poche parole, i paletti istituiti dalla Bce prevedono che le banche coprano completamente entro due anni la parte di nuovi NPL – Non Performing Loan, ovvero i crediti in sofferenza delle banche – non coperta da garanzie (unsecured) e in massimo sette anni quella assistita da garanzia (secured).
Una scelta «folle» secondo l’Unione delle imprese, perché già di per sé «l’andamento dei prestiti al settore privato, in particolare per quanto riguarda le aziende, continua a essere critico». Secondo un’analisi del Centro Studi su dati della Banca d’Italia, negli ultimi sei mesi il totale dei prestiti al settore privato è diminuito del 3,17% (-44,5 miliardi di euro), portando lo stock di agosto a 1.360,9 miliardi di euro dai 1.405,5 miliardi dello stesso mese di un anno prima.
In particolare, i prestiti alle imprese sono diminuiti del 6,24% (-48,9 miliardi di euro), passando da da 784,2 miliardi a 735,2 miliardi (-10,09% per quelli a breve termine, -7,96% per quelli di lunga durata, mentre si registra una crescita del 4,49% quelli di medio periodo).
Per quanto riguarda invece le famiglie, Unimpresa indica una crescita dei prestiti dello 0,70%, +4,3 miliardi in termini assoluti, comportando un aumento dello stock da 621,3 miliardi di euro a 625,6 miliardi (+9,90% per il credito al consumo, +2,10% per i mutui e -6,77% per prestiti personali).

 

Scrivi una replica

News

Draghi: «Rafforzare la sanità, perché non sappiamo quanto durerà la pandemia»

«L’attuale pandemia ci impone di essere meglio preparati per il futuro». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso di un webinar con…

20 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ciad, morto il presidente Idriss Déby

Il presidente del Ciad, Idriss Déby Itno, al potere da 30 anni, è morto oggi per le ferite riportate durante un’azione militare dell’esercito ciadiano contro…

20 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran: “Nessun accordo temporaneo raggiunto sul nucleare”

“Nessuna intesa, nemmeno temporanea e parziale, è ancora stata raggiunta nei colloqui di Vienna per il possibile ritorno degli Usa nell’accordo sul nucleare del 2015”.…

20 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambasciatore Usa in Russia rientrerà per delle consultazioni

John Sullivan, ambasciatore degli Stati Uniti, in Russia, tornerà negli Usa per consultazioni, come lui stesso ha detto alla Tass.…

20 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia