I settori in cui si lavora di più nell’UE | T-Mag | il magazine di Tecnè

I settori in cui si lavora di più nell’UE

In 20 anni si osservano evidenti cali nell'industria e nell'agricoltura. Nel 2016 quasi metà dell'occupazione si concentra in due attività economiche
di Redazione

Lo scorso anno, rileva l’Eurostat, quasi metà dell’occupazione nell’Unione europea (UE) è stata concentrata in due attività economiche: “Commercio all’ingrosso, commercio, trasporto, alloggio e servizi alimentari” (il 24,7%) e “Pubblica amministrazione, difesa, istruzione, attività di lavoro sociale” (23,7%). Entrambe le attività hanno registrato una lieve crescita legata alla loro rispettiva quota di occupazione totale negli ultimi 20 anni. Al contrario, la quota dell’occupazione relativa all’industria è scesa dal 20,7% del 1996 al 15,3% del 2016, mentre nelle “attività professionali, scientifiche e tecniche” è passata dal 7,6% al 12,7%.

La situazione non stupisce, in realtà. Negli anni della crisi mentre l’agricoltura e l’industria perdevano posizioni, con riflessi occupazionali negativi, il settore dei servizi ha evidenziato crescite più o meno diffuse, incrementando peraltro i posti di lavoro. Vediamo allora caso per caso, riprendendo i dati Eurostat.

Nella maggior parte degli Stati dell’UE, il Commercio all’ingrosso, il trasporto, l’alloggio e il servizio alimentare è stato l’ambito di attività economica con il maggior numero di posti di lavoro nel 2016. Le percentuali più elevate sono state osservate in Grecia (33,3% dell’occupazione totale), Cipro (31,9% ), Spagna (30,3%) e Irlanda (28,5%). In sette Stati membri – Svezia (34,1%), Danimarca (30,8%), Belgio (30,6%) e Francia (30,1%) – i livelli occupazionali più elevati sono stati osservati nell’Amministrazione pubblica, difesa, istruzione, attività sanitarie e sociali. L’industria è stata invece il principale “datore di lavoro” in Repubblica Ceca (29%), Polonia (23,7%) e Slovenia (22,7%), mentre l’attività agricola lo è stata in Romania (24%).

Negli ultimi 20 anni i principali cambiamenti nel mercato del lavoro hanno riguardato l’industria, la pubblica amministrazione e l’agricoltura. Rispetto al 1996, nell’industria l’occupazione totale è diminuita in tutta l’UE (nell’anno di riferimento), con i maggiori cali emersi a Malta (dal 26% del 1996 all’11,9% del 2016), Slovenia (-8,9%), Regno Unito (-7,7%) e Lussemburgo (-7,3%).

Analogo quanto avvenuto in agricoltura. La quota di occupazione è diminuita nel medesimo arco temporale in tutti gli Gtati membri. Soprattutto in Romania, nonostante resti il maggiore “datore di lavoro” (dal 40,9% al 24%). A seguire Lituania (-12,6%), Ungheria (-9,6%), Lettonia (-7,1%) e Grecia (-6,8%) .

Al contrario, nella maggior parte degli Stati europei negli ultimi 20 anni la percentuale relativa ad “Amministrazione pubblica, difesa, istruzione, salute” è apparsa in aumento. Ad esempio in Romania (dal 7,2% al 13,6%), Slovenia (+4,5%), Lussemburgo (+4,2%), Belgio (+4%), Grecia (+3,5%) e Portogallo (+3,4%). In diminuzione, invece, in Bulgaria (-3,3%), in Italia (-1,2%), in Slovacchia (-0,9%), in Lituania (-0,7%), in Svezia (-0,5%) e in Francia (-0,3%).

A livello comunitario, infine, tra il 1996 e il 2016 è diminuita la quota di occupazione totale (-5,4%) e dell’agricoltura (-4%), mentre quella della pubblica amministrazione è aumentata di 1,6 punti percentuali.

 

Scrivi una replica

News

Recovery, Ue lancia piano di finanziamento da 806 miliardi

“La Commissione europea lancia il suo piano per finanziare il Next Generation Eu: entro il 2026, raccoglierà sui mercati 806 miliardi di euro, con un…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: “Campagna vaccinale è cruciale per la ripresa”

“Le misure di bilancio a sostegno dell’economia reale, nel 2020, hanno protetto le banche dal buona parte delle perdite sui loro prestiti e sarà cruciale…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ocse: “L’Italia deve migliorare l’efficienza della pubblica amministrazione”

“La priorità essenziale per favorire la ripresa dell’Italia è rappresentata dalla promozione dell’efficienza della pubblica amministrazione, principalmente nell’ottica di migliorare la gestione degli investimenti pubblici…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 103 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 103 punti…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia