Industria: giù fatturato e ordinativi a settembre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Industria: giù fatturato e ordinativi a settembre

Tra gennaio e settembre il fatturato è aumentato del 4,7% rispetto allo stesso arco di tempo del 2016
di Redazione

Dopo l’aumento di due punti percentuali registrato durante il mese di agosto, a settembre il fatturato dell’industria ha registrato un nuovo calo congiunturale, che ha intaccato solo limitatamente la performance del terzo trimestre.

Ma vediamo i dati nel dettaglio: nel nono mese dell’anno il fatturato dell’industria è diminuito dell’1,2% riflettendo il -1,3% registrato sul mercato interno (+2,1% ad agosto) e il -1,2% che ha invece interessato il fatturato estero (+1,7% ad agosto).
Come già spiegato, il calo mensile ha intaccato solo lievemente l’andamento dell’intero trimestre, durate il quale l’Istat ha registrato un aumento del fatturato di 0,8 punti percentuali (+0,4% per il fatturato interno e +1,5% per quello estero).
Bene anche il confronto tendenziale: rispetto a settembre 2016 il fatturato dell’industria è aumentato del 5,2%, frutto dell’incremento di 4,6 punti percentuali rilevato sul fronte interno e del +6,3% che ha invece interessato il fatturato estero. Tra gennaio e settembre l’aumento è stato del 4,7% (+4,4% quello interno e +5,4% quello estero).
Anche per gli ordinativi le rilevazioni dell’Istituto nazionale di statistica indicano una flessione congiunturale. In questo caso il calo è dato del 3,9% (-5,8% quelli interni e -1,4% quelli esteri) e anche in questo caso la performance mensile non ha pregiudicato particolarmente il trend trimestrale: +2,4% (+1,7% quelli interni e +3,4% quelli esteri). “Nel confronto con il mese di settembre 2016 – spiega in conclusione l’Istat -, l’indice grezzo degli ordinativi segna un aumento del 4,5%”.

 

Scrivi una replica

News

Mes, Visco: «Da un punto di vista economico ha solamente vantaggi»

«Da un punto di vista economico» il MES «ha solamente vantaggi: non si va sul mercato, è a lunga scadenza, a condizioni buone e la…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Lagarde: «Le prospettive sul futuro restano incerte»

«L’impatto del Coronavirus si sente ancora nella zona euro, le imprese hanno difficoltà, le persone perdono il posto, le prospettive sul futuro restano incerte». Lo…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mezzogiorno, Provenzano: «A rischio ci sono circa 600-800mila posti di lavoro»

«Sul piano sociale le ricadute rischiano di essere maggiori nelle aree meno sviluppate del Mezzogiorno, soprattutto in termini di occupazione». Così il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, intervenendo nel corso…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 33 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 33.130.914 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia