Perché cresce «l’Italia del rancore» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché cresce «l’Italia del rancore»

La ripresa c'è e l'industria va, afferma il Censis. Ma il blocco della mobilità sociale crea nuovi disagi
di Redazione

Il 51° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese apre con una nota positiva: la ripresa c’è ed è trainata soprattutto dal settore industriale che nel primo semestre del 2017 mostra un incremento del 2,3% della produzione, che sale al 4,1% nel terzo trimestre dell’anno. Il dato relativo al primo trimestre è il migliore tra i maggiori Paesi europei, l’Italia fa così meglio di Germania e Spagna che registrano un incremento del 2,1%, e di Regno Unito e Francia, la cui produzione industriale è in crescita rispettivamente dell’1,9% e 1,3%. Oltre alla produzione aumenta anche la produttività per ogni addetto nel settore manifatturiero, che supera la produttività nei servizi, registrando in sette anni un aumento del 22,1%, probabilmente anche alla maggiore meccanizzazione delle attività che agevolano i processi di produzione. Alla crescita ha contribuito l’export, quello manifatturiero pesa per il 3,4% sul totale delle esportazioni mondiali (i materiali da costruzione in terracotta, 23,5%; il cuoio lavorato, 13,2%; i prodotti da forno, 12,2%; le calzature, mobili e macchinari, rispettivamente 8,1%, 6,8% e 6,4%, i prodotti che vanno per la maggiore). Negativi però gli investimenti pubblici, in diminuzione nel 2016 del 32,5% rispetto al 2006.

Insomma, i dati testimoniano la ripresa, ma non mancano le note stonate. E poco importa se tra il 2013 e il 2016 la spesa per i consumi delle famiglie è cresciuta complessivamente di 42,4 miliardi di euro corrispondente al +4%. La ripresa economica non è stata uguale per tutte le fasce della popolazione, anzi ha accresciuto le differenze facendo emergere un malcontento generale. Secondo il rapporto del Censis, il blocco della mobilità sociale «crea rancore»: l’87,3% degli italiani appartenenti al ceto popolare pensa che sia difficile salire nella scala sociale, come l’83,5% del ceto medio e anche il 71,4% del ceto benestante. Pensano che al contrario sia facile scivolare in basso nella scala sociale il 71,5% del ceto popolare, il 65,4% del ceto medio, il 62,1% dei più abbienti. Ed è una percezione che riguarda in generale tutte le età. Una condizione che interessa molto anche i giovani, con l’87,3% dei millennials che pensa che sia molto difficile l’ascesa sociale e il 69,3% che ritiene al contrario sia molto facile il capitombolo in basso.
Da qui deriva una preoccupazione per le “distanze”: il 66,2% dei genitori italiani si dice contrario all’eventualità che la propria figlia sposi una persona di religione islamica, il 48,1% una più anziana di vent’anni, il 42,4% una dello stesso sesso, il 41,4% un immigrato, il 27,2% un asiatico, il 26,8% una persona che ha già figli, il 26% una con un livello di istruzione inferiore, il 25,6% una di origine africana, il 14,1% una con una condizione economica più bassa. Le differenze sociali sono accentuate dalla polarizzazione dell’occupazione, come la definisce il Censis, ai danni di operai, artigiani che tra il 2011 e il 2016 diminuiscono dell’11% (del 3,9% gli impiegati). Tra coloro che hanno invece osservato un miglioramento, le professioni intellettuali crescono dell’11,4% e, all’opposto, aumentano gli addetti alle vendite e ai servizi personali (+10,2%) e il personale non qualificato (+11,9%). Nell’ultimo anno l’incremento di occupazione più rilevante riguarda gli addetti allo spostamento e alla consegna delle merci (+11,4%) nella delivery economy. Come sottolinea il Censis «nella ricomposizione della piramide professionale aumentano dunque le distanze tra l’area non qualificata e il vertice».

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia