Il “boom” dell’occupazione a termine | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il “boom” dell’occupazione a termine

L’aumento degli occupati continua a riguardare soltanto i dipendenti, ma in oltre otto casi su dieci a termine. Prosegue la diminuzione degli indipendenti
di Redazione

Il dato più alto dal 1992: cresce l’occupazione, sì, ma in quota nettamente superiore quella a termine. Sono 2 milioni e 784 mila i dipendenti che rientrano in questa categoria, per l’esattezza. A renderlo noto l’Istat nel report dedicato al mercato del lavoro nel terzo trimestre 2017. Nel periodo considerato, spiega l’Istituto nazionale di statistica, prosegue la crescita tendenziale del numero di occupati (+1,3%, 303 mila in un anno) con il tasso di occupazione delle persone di 15-64 anni che sale al 58,4% (+0,8 punti). L’aumento degli occupati continua a riguardare soltanto i dipendenti, in oltre otto casi su dieci a termine, mentre prosegue la diminuzione degli indipendenti. L’incremento degli occupati a tempo pieno, per il dodicesimo trimestre consecutivo, si affianca alla crescita del tempo parziale ininterrotta dal 2010; l’aumento del tempo parziale è ancora sostenuto da quello di tipo volontario, cosicché l’incidenza del part time involontario scende al 61,1% dei lavoratori a tempo parziale (-0,5 punti) e all’11,3% del totale occupati (-0,1 punti).

Sulla base dei dati di flusso, si stima un aumento della quota di disoccupati che, a distanza di 12 mesi, transita verso l’occupazione (dal 24,7% tra il terzo trimestre 2015 e il terzo trimestre 2016 al 25,4% nell’analogo periodo tra il 2016 e il 2017), soprattutto per i giovani, gli individui con elevato livello di istruzione, e i residenti nel Nord; crescono anche i casi di transizione dall’inattività verso la disoccupazione (+0,4 punti), in particolare per le forze di lavoro potenziali (+1,5 punti percentuali). Per il secondo trimestre consecutivo continua la diminuzione del numero di disoccupati la cui stima scende a 2 milioni 737 mila unità (-71 mila in un anno, -2,5%); il calo è concentrato tra gli ex-occupati, ossia tra chi aveva un’occupazione. Il tasso di disoccupazione cala al 10,6% con una riduzione di 0,4 punti che coinvolge di più gli uomini e soprattutto il Mezzogiorno e i giovani.

Nel terzo trimestre 2017 si stima a 1 milione 599 mila il numero di persone in cerca di occupazione da almeno 12 mesi (-6 mila, -0,4%); l’incidenza di questo gruppo sul totale disoccupati sale al 58,4% (+1,2 punti in un anno) a ragione della diminuzione più intensa del numero di disoccupati di breve durata (-5,1%).

Nel terzo trimestre 2017 si è molto accentuata la riduzione degli inattivi di 15-64 anni (-300 mila in un anno) e del corrispondente tasso di inattività (-0,6 punti). Il calo dell’inattività riguarda entrambe le componenti di genere, tutte le ripartizioni e le diverse classi di età; la diminuzione coinvolge soprattutto le forze di lavoro potenziali (-264 mila, -7,5%) e in lieve misura anche gli inattivi che non cercano lavoro e non sono disponibili (-36 mila, -0,4%). Dai dati di flusso, per le forze di lavoro potenziali è aumentata la percentuale di quanti transitano verso la disoccupazione (dal 18,3% al 19,9% nei dodici mesi).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con Nato e Ue»

«C’è un enorme interesse per avere un grande rapporto con la NATO e l’Ue». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, incontrando…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Il virus è più rapido dei vaccini»

«Il virus si sposta più rapidamente della distribuzione mondiale dei vaccini». A denunciarlo il direttore generale dell’Oms, Adhanom Ghebreyesus, invitando i Paesi produttori un maggiori…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Usa 10mila nuovi casi: la California lo Stato più colpito dalla pandemia

Gli Stati Uniti nelle ultime 24 ore hanno registrato 193 decessi e 10.800 nuovi casi.  La California è ora lo stato più colpito dalla pandemia…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina contro la Nato: “Esagerate con la teoria della minaccia”

“La Nato vuole creare scontri”. E’ l’accusa lanciata dalla Cina in seguito all’accordo raggiunto dagli alleati occidentali su un’azione comune di contrasto alle politiche, spesso…

15 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia