La politica estera di Donald Trump | T-Mag | il magazine di Tecnè

La politica estera di Donald Trump

Ci sono aspetti che vanno molto al di là delle presunte "dimensioni" dei pulsanti nucleari dell'inquilino della Casa Bianca e di Kim Jong-un. Perché i pilastri della Strategia di sicurezza nazionale rispondono al principio di "America First"
di Redazione

Tutto in poche ore. Critiche, dure, al regime iraniano. Minacce di sospendere i fondi al Pakistan e ai palestinesi. E, immancabile, il botta e risposta con il leader nordcoreano Kim Jong-un. Il presidente statunitense, Donald Trump, è apparso particolarmente attivo negli ultimi giorni su Twitter ed è sul noto social network che ha risposto al discorso di fine anno di Kim, quello in cui ricordava di avere sulla scrivania un pulsante nucleare pronto all’uso. «Il mio pulsante nucleare è più grande e potente del suo. E il mio funziona», ha twittato l’inquilino della Casa Bianca.

Per quanto riguarda gli altri dossier sul tavolo del presidente – Iran (dove i Pasdaran hanno annunciato la sconfitta della protesta che da alcuni giorni stava interessando Teheran e altre città del paese), Pakistan e Palestina – la questione è più complessa. Quanto stava accadendo in Iran ha rappresentato per Trump l’occasione di criticare apertamente il regime di Teheran. «Gli Usa vi stanno guardando», ha scritto ancora su Twitter. Del resto non è un segreto, poiché il tema era stato ampiamente dibattuto durante la campagna presidenziale del 2016: per l’attuale amministrazione l’accordo sul nucleare raggiunto da Obama nel 2015, «il peggiore» mai concluso dagli Stati Uniti, dunque Trump vorrebbe provare a cancellarlo. La tensione tra gli Usa e il Pakistan, invece, riguarda l’accusa che il presidente ha rivolto a Islamabad di avere fatto il doppio gioco con i terroristi in Afghanistan, nonostante i tanti soldi (33 miliardi di dollari) in aiuti dati nell’arco di 15 anni. L’ambasciatrice all’Onu, Nikki Haley, ha annunciato a tale proposito: «L’amministrazione Trump sospenderà 255 milioni di dollari di aiuti al Pakistan». Infine, Trump neppure ha escluso di tagliare i fondi ai palestinesi se questi ultimi rifiuteranno di collaborare al processo di pace in Medio Oriente dopo la mossa di Washington di riconoscere Gerusalemme quale capitale d’Israele.

Che Trump sia una persona piuttosto impulsiva non lo scopriamo certo oggi. Ma la sua azione di governo è coerente, piaccia o no. E risponde al principio di “America First” che gli ha permesso di vincere le elezioni nell’ottobre del 2016 ai danni dell’ex segretario di Stato e First Lady, Hillary Clinton. Il documento sulla nuova Strategia di sicurezza nazionale, presentato nella seconda metà di dicembre, è chiaro e va proprio in questa direzione. Sono quattro i pilastri: protezione della patria, promozione della prosperità americana, preservare la pace con la forza e diffusione dell’influenza statunitense. Vengono confermati i “nemici” – tra cui rientrano a pieno titolo Corea del Nord e Iran, tra gli altri – e individuati (vecchi) avversari, definiti «potenze revisioniste» (Cina e Russia), impegnate cioè a sovvertire l’ordinamento geopolitico e le sfere di influenza. Quel principio, saldo, di “America First” viene esplicitato dall’amministrazione Trump e declinato anche in politica estera. Insomma: al di là delle ironie che facilmente possono derivare dalle presunte dimensioni dei rispettivi pulsanti nucleari, le uscite di Trump vanno collocate in un contesto più ampio: ad ogni provocazione (finanche dialettica) di Pyongyang segue una risposta decisa di Washington.

 

Scrivi una replica

News

Petrolio: Wti a 84,5 dollari al barile e Brent a 86,2 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 84,5 dollari al barile mentre il Brent a 86,2 dollari.…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 110 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 110 punti.…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Colombia, narcotrafficante catturato sarà estradato negli Usa

Dairo Antonio Úsuga, il capo del Clan del Golfo in Colombia catturato dalle forze speciali colombiane, nonostante debba risponde anche alla giustizia locale per gravi…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, cancellate le maratone di Wuhan e Pechino

Visto i focolai registrati in Cina nelle ultime ore, sia la maratona di Wuhan che quella di Pechino, sono state rinviate a nuovo avviso. All’evento…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia