Lavoro, più fiducia. Ma meno che altrove | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, più fiducia. Ma meno che altrove

Il 64% degli italiani si dice soddisfatto della propria situazione lavorativa, contro l’11% che si dice insoddisfatto. Ma siamo molto al di sotto della media mondiale
di Redazione

Sembra che i lavoratori italiani abbiano ritrovato un po’ di fiducia sul futuro occupazionale del Paese. Secondo l’Economic Outlook 2018 di Ranstad Workmonitor – che ha coinvolto 400 lavoratori per ognuno dei 33 Paesi considerati nell’indagine, tra cui, appunto, l’Italia – il 48% dei lavoratori del nostro Paese si dichiara soddisfatto e ottimista sull’andamento attuale del mercato del lavoro.

Un dato che, sebbene sia in forte rialzo rispetto al 2016, è ancora piuttosto lontano dal 61% della media mondiale. Senza contare che, sempre secondo lo studio di Ranstad, Ungheria e Grecia (rispettivamente con il 47% e il 37%) sono gli unici Paesi europei dove si rileva una quota inferiore a quella italiana. Al contrario, le percentuali maggiori si registrano un Portogallo, Svezia e Regno Unito.
Entrando un po’ più nella sfera personale, dall’analisi emerge come il 64% degli italiani si dica soddisfatto della propria situazione lavorativa, contro l’11% che si dice insoddisfatto. Tuttavia, solo il 39% si aspetta di ricevere un aumento di stipendio entro la fine dell’anno, mentre solo il 45% prevede un bonus una tantum.
Il 30% degli intervistati, pur non cercando attivamente, sarebbe aperto a nuovi sbocchi professionali. Interessante anche il fatto che il 75% dei lavoratori considerati dall’indagine si dica appagato dalla situazione versa la propria azienda. Un dato, questo, in crescita di sette punti percentuali rispetto alle rilevazioni del Outlook precedente, ma che presenta al suo interno dei divari. Risultano infatti più ottimisti gli intervistati con un età inferiore ai 45 anni: il 55% contro il 41% dei lavoratori un po’ più in là con l’età.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: in Lombardia, da giovedì coprifuoco dalle 23 alle 5

Coprifuoco dalle 23 alle 5 a partire da giovedì 22 ottobre, in Lombardia. Lo prevede l’ordinanza emanata oggi firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza,…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 9 milioni di download per Immuni

Oltre 9 milioni di download per Immuni, l’applicazione di tracciamento dei contatti per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha reso noto Immuni attraverso un…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente: in Italia, ogni anno l’inquinamento atmosferico costa oltre 1.500 euro procapite

Oltre 1.500 euro. Questo è il costo procapite annuo dell’inquinamento per gli italiani. A stimarlo è uno studio realizzato dall’Epha, l’Alleanza europea per la salute…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mattarella: «Cure e vaccini disponibili per tutta la popolazione mondiale»

«Le cure e i vaccini» contro il coronavirus «siano disponibili per tutti in tutto il mondo». Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella,…

21 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia