Prosegue la fase di espansione dell’Eurozona | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prosegue la fase di espansione dell’Eurozona

A trainare la crescita sono soprattutto gli investimenti, mentre i consumi aumentano ad un passo più lento
di Redazione

L’Eurozona continua la sua fase di espansione. Nel 2017, secondo l’Eurozone Economic Outlook redatto da Istat, IFO e KOF, potrebbe infatti aver riportato una crescita del Pil del 2,4%, ma per il dato definitivo bisognerà ancora aspettare. Altra nota positiva è arrivata proprio oggi dalla Banca Mondiale, che ha visto al rialzo le stime di crescita per il 2018, al +2,1% dal +1,8% delle stime precedenti. Confermato il rallentamento del biennio successivo: +1.7% nel 2019 e +1,5% nel 2020.

Tornando all’Outlook diffuso dall’Istat, nel resoconto si legge che nel solo quarto trimestre il Pil dell’area euro è cresciuto dello 0,9% sul trimestre precedente e del 3,5% sullo stesso periodo del 2016. Per il trimestre in corso si stima invece un +0,8% congiunturale e un +4,2% tendenziale, mentre per il prossimo un +0,7% e un +3,6%.
Come riportato nella nota, “la crescita è stata sostenuta dall’espansione degli investimenti mentre il consumo privato è aumentato a un ritmo inferiore rispetto ai trimestri precedenti, influenzato dalla debolezza degli acquisti delle famiglie tedesche. Anche la domanda estera ha fornito un contributo positivo”.
Gli investimenti, infatti, hanno riportato un +1,1% alla fine del quarto trimestre mentre la crescita media dell’intero 2017 potrebbe essere stata del 4% (le stime indicano un +1% per il primo trimestre del 2018 ed un +0,9% per il secondo). I consumi, invece, sono stati interessati da un +0,4% in T4 e dovrebbero riportare un aumento congiunturale uguale anche nel primo e nel secondo trimestre dell’anno in corso. La stima per l’intero 2017 indica un +1,8%.
L’andamento positivo degli investimenti è osservabile anche dal trend che sta interessando la produzione industriale dell’area. Secondo gli uffici di statistica che hanno redatto il monitor, l’aumento del +1,1% che ha interessato il terzo trimestre del 2017 è stato influenzato soprattutto dalla crescita della produzione di beni strumentali. Secondo le stime preliminari la crescita media del 2017 è stata del 2,7% (+0,9% solo nel quarto trimestre), mentre nei primi due trimestre di quest’anno la produzione potrebbe riportare un +0,8% ed un +0,7%.
Per quanto riguarda invece l’inflazione, la stima per il 2017 indica un +1,5% e un rallentamento per la prima metà dell’anno in corso: +1,2% in T1 e +1,4% in T2. “Successivamente – si legge – la ripresa economica dovrebbe implicare un graduale aumento dei tassi di inflazione”.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, nel terzo trimestre il Pil è cresciuto del 33,1%

Nel terzo trimestre 2020, il Prodotto interno lordo degli Stati Uniti è cresciuto del 33,1%. Lo ha reso noto il Dipartimento del Commercio statunitense. Si…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: riattivato stato di emergenza attentati

La Francia ha riattivato lo stato d’emergenza relativo agli attentati, secondo  quanto riporta il sito internet di radio Europe 1. Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia: attentato a Nizza nella cattedrale di Notre Dame

Un nuovo attentato in Francia, stavolta a Nizza. Viene riferito di un assalto con coltello avvenuto questa mattina, intorno alle 9, nella cattedrale Notre Dame…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 139 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 139 punti.…

29 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia