Italia in ritardo nell’e-commerce | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia in ritardo nell’e-commerce

Solo il 45,5% delle imprese italiane con almeno dieci addetti commercia online, ma quel che è peggio è che solo un'impresa su dieci ha effettuato vendite sfruttando il web
di Redazione

In quanto a e-commerce l’Italia è ancora piuttosto indietro rispetto al resto d’Europa, non solo sul fronte degli acquisti online, ma anche dal punto di vista delle vendite. Secondo le ultime rilevazioni dell’Eurostat meno della metà degli italiani è considerabile un e-shopper e la causa, infatti, potrebbe anche essere strettamente legata alla scarsa propensione all’innovazione da parte delle imprese italiane.

Secondo l’annuario statistico 2017 dell’Istat, diffuso alla fine dell’anno appena trascorso, solo il 45,5% delle imprese italiane con almeno dieci addetti ha commerciato online, ma quel che è peggio è che solo un impresa su dieci ha effettuato vendite online (l’11% contro il 40,9% delle imprese che invece hanno fatto acquisti).
Le più propense alla vendita sono le aziende di grandi dimensioni (oltre i 250 addetti), che rappresentano il 30% delle imprese dedite all’e-commerce totali, mentre la quota sul totale delle imprese che vendono online diminuisce al diminuire della dimensione d’impresa: 17,6% per le imprese tra i 100 e i 249 addetti, 15,9% per quelle tra i 50 ed i 99 e 10% per quelle tra i 10 ed i 49 addetti). Non una buona notizia se si considera che gran parte del tessuto imprenditoriale italiano è rappresentato da aziende di micro e piccole dimensioni.
Il fatto che le imprese italiane, almeno per il momento, non siano molto propense a servirsi della rete per vendere i propri prodotti è riscontrabile anche in un altro fattore: in Italia – secondo l’ultimo Rapporto sullo stato dell’e-commerce redatto dalla Casaleggio e Associati – quasi la metà degli e-shopper (il 49%) acquista su siti stranieri, mentre nei Paesi dove la quota di e-shopper totali è più elevata rispetto al nostro Paese, la percentuale di quanti acquistano dall’estero scende notevolmente.
È il caso del Regno Unito o della Germania, per esempio. In Gran Bretagna, secondo le ultime stime dell’Eurostat, fa acquisti online l’86% degli internauti, ma solo il 33% di questi compra su siti esteri. In Germania, invece, la quota di e-shopper è pari all’82% degli internauti totali, ma la penetrazione di acquisti dall’estero è di appena il 27%.

 

Scrivi una replica

News

Regno Unito, il deputato britannico David Amess è stato ucciso a coltellate durante un incontro con gli elettori

Un deputato della maggioranza Tory che sostiene il governo britannico di Boris Johnson, il 69enne David Amess, è stato oggi ucciso da un uomo, che…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, via libera del Cdm al dl Fisco

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto fiscale. Lo riferiscono le agenzie di stampa, citando fonti governative, a riunione ancora in corso. Tensione sul…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Financial Times: “Cinque Paesi Ue pronti alla guerra commerciale con la Gran Bretagna”

“Italia, Francia, Germania, Spagna e Paesi Bassi hanno incontrato in settimana il vicepresidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, negoziatore post Brexit per l’Ue, per chiedergli…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gruppo Stellantis, immatricolazioni in calo del 30,4% a settembre

Secondo i dati dell’Acea (associazione dei costruttori europei), le immatricolazioni del gruppo Stellantis, nell’Unione europea, Paesi Efta e Regno Unito sono state a settembre 179.117,…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia